Cronaca / Soldi

Commenta Stampa

Videopoker: azione repressiva della polizia


Videopoker: azione repressiva della polizia
20/06/2010, 21:06

Così come disposto dal Questore di Napoli, dott. Santi Giuffrè, continuano incessanti i controlli degli agenti della Divisione Amministrativa e Sociale, volti al monitoraggio, nonché alla repressione del dilagante fenomeno connesso al possesso di apparecchiature elettroniche illegali da intrattenimento.
I poliziotti a seguito di un controllo amministrativo, presso un Bar ed Internet Point, nel quartiere Ponticelli, hanno sequestrato 2 postazioni collegate al gioco on line del poker, del genere illegale.
Al controllo di Polizia, mentre era intento nel gioco, è stato sorpreso un uomo di 37 anni.
La titolare dell’esercizio commerciale, G.P. di 36 anni, moglie di un affiliato al clan Sarno, attualmente detenuto per associazione a delinquere di stampo mafioso, omicidio ed altro, è stata denunciata, in stato di libertà, per esercizio abusivo di giuoco e/o scommesse e per non aver richiesto la prevista licenza al Questore di Napoli.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©