Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Videopoker illegali, blitz della Finanza nel salernitano


Videopoker illegali, blitz della Finanza nel salernitano
22/02/2010, 12:02


CAVA DEI TIRRENI (Sa) - I militari della Tenenza della Guardia di Finanza di Cava dei Tirreni, nell’ambito dei quotidiani servizi di controllo economico del territorio finalizzati anche alla prevenzione ed alla repressione di illeciti in materia di congegni ed apparecchi da divertimento ed intrattenimento, hanno individuato in Cava dei Tirreni alcune attività commerciali che detenevano “slot” non “in rete” e “videopoker” privi delle necessarie concessioni ed autorizzazioni previste dalla normativa vigente. I controlli sono scattati nelle serate delle ultime settimane, a seguito di una preliminare ed approfondita attività info-investigativa e ricognitiva, allorquando i finanzieri notavano in vari locali la presenza di numerosi videogiochi, i quali, di fatto, “mascheravano” il gioco delle “slot”, regolamentato dall’art. 110, comma 6° del T.U.L.P.S..
L’esito delle varie operazioni si è quindi concretizzato nel sequestro n. 6 slot machines, n. 5 apparecchi denominati “videopoker” nonché di una cospicua somma di denaro contante rinvenuta all’interno degli apparecchi.
Uno dei gestori delle suddette attività commerciali, A. D., di anni 41, di nazionalità italiana, è stato quindi segnalato all’Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato di Salerno e rischia ora una severa sanzione pecuniaria, oltre alla chiusura dell’esercizio commerciale, per violazione all’art. 110, comma 9 del T.U.L.P.S., che regolamenta l’installazione degli apparati e congegni da divertimento ed intrattenimento, mentre, D. I., S. A., M. D., rispettivamente di anni 32, 39, e 28, anch’essi di nazionalità italiana, sono stati denunciati alla competente Autorità Giudiziaria, per violazione agli artt. 718 e 719 del Codice Penale, i quali prevedono e sanzionano il giuoco d’azzardo con un’elevata sanzione pecuniaria e con l’arresto.
L’attività di servizio che si aggiunge a recenti operazioni similari, conferma l’efficienza del presidio economico/finanziario esercitato dalle Fiamme Gialle che operano con l’obiettivo di arginare il dilagante fenomeno delle scommesse clandestine, al fine di garantire e preservare il sano e regolare andamento dell’economia, anche, nello specifico settore, connotato da un forte impatto sociale e causa, sovente, di negative ripercussioni familiari nelle fasce meno abbienti della popolazione.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©