Cronaca / Nera

Commenta Stampa

Il comandante lo aveva salvato un attimo prima

Vigile si uccide con la pistola di ordinanza

Aveva provato a farla finita con il gas di scarico dell'auto

Vigile si uccide con la pistola di ordinanza
07/10/2012, 18:30

CLUSONE (BERGAMO) - Questa mattina un vigile di 37 anni si è suicidato a Clusone, in valle Seriana, in provincia di Bergamo. L'uomo aveva già tentato il suicidio con il gas di scarico dell'automobile, ma è stato salvato dal comandante Giuseppe Seghezzi. Poco dopo, verso le ore 9, nel garage del comando della polizia locale di Clusone, l'uomo ha puntato contro di sé la pistola di ordinanza e ha esploso un proiettile che lo ha ucciso. Il 37enne è morto sul colpo. Pare che l'agente avesse problemi di depressione. L'uomo ha scritto su un biglietto indirizzato ai genitori e ai colleghi i motivi del suo gesto disperato: "Sono insoddisfatto della vita". Era di origini sarde, non era sposato e viveva con la madre e il padre, aveva problemi personali, ma nulla che potesse far temere il peggio.

Commenta Stampa
di Emanuele De Lucia
Riproduzione riservata ©