Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Villa Comunale, Chiosi: "parco abbandonato all'incuria ed al degrado"


Villa Comunale, Chiosi: 'parco abbandonato all'incuria ed al degrado'
22/08/2011, 16:08

<<La Villa Comunale - denuncia il Presidente Chiosi - è il parco che rappresenta la città ma è anche quello più disastrato ed abbandonato all'incuria ed al degrado. Molte statue sono imbrattate, le fontanine funzionano a singhiozzo, le aiuole sono sporche, spesso lordate da escrementi canini, e mal tenute, la pavimentazione è sconnessa ed in più parti vi sono mucchi di terriccio abbandonato, le panchine e gli arredi sono in larga misura danneggiati.
Inoltre - continua il Presidente - sto ricevendo lamentele di utenti del parco che segnalano il malcostume di alcuni giardinieri e addetti alla Villa Comunale spesso comodamente seduti ai tavolini degli chalet. Un cittadino mi ha raccontato di aver chiesto spiegazioni di questo assurdo atteggiamento e che la giustificazione sarebbe stata la carenza di mezzi ed attrezzature che impedirebbe il lavoro. Cosa che, però, non mi risulta accadere in altri parchi. Voglio accertarmi immediatamente di quanto sta accadendo in Villa Comunale perché tutto ciò è intollerabile. E' vero che il Parco, essendo un grande parco urbano, è di competenza esclusiva del Comune e non della Municipalità, ma non si può tacere dinanzi a questo sfacelo.
Da anni - spiega Chiosi - propongo l'istituzione di un ufficio del parco, con sede in Villa Comunale, che possa sovrintendere a tutte le attività da svolgere, al controllo ed anche agli approvvigionamenti di materiali. Inoltre, nonostante le tante rassicurazioni dei vecchi Assessori all'Ambiente, non sono mai state installate le telecamere per la videosorveglianza, che renderebbero la Villa anche più sicura.
Chiederò un appuntamento urgente al Vice Sindaco Sodano, al quale ho già inviato una nota - conclude il Presidente Chiosi - per collaborare nella ricerca di soluzioni immediate e di lungo periodo. La Villa Comunale non può più restare in questo stato di degrado ed abbandono >>.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©