Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Villa Fernandez, bene confiscato e consegnato alla città

La struttura ospiterà i tossicodipendenti de "La Tenda"

.

Villa Fernandez, bene confiscato e consegnato alla città
09/02/2011, 10:02

NAPOLI - E’ stato firmato il protocollo d’intesa tra la Provincia di Napoli, il Consorzio Sole, il Comune di Portici e la Curia Arcivescovile di Napoli per la realizzazione di un programma, volto a riutilizzare a fini sociali il bene confiscato di “Villa Fernandez” a Portici. La struttura, confiscata nel 1998 al clan Vollaro, consegnata al Comune di Portici nel 1999 e poi conferita al Consorzio nel 2003, sarà infatti utilizzata per prestare soccorso ai giovani tossicodipendenti, che trovano riparo presso il centro “La Tenda” di Antonio Vitiello. Il programma è stato fortemente condiviso e caldeggiato dal presidente della provincia, Luigi Cesaro; dal cardinale Crescenzio Sepe; dal referente regionale dell'associazione "Libera", don Tonino Palmese; dal direttore del Consorzio Sole, Lucia Rea; dal sindaco di Portici, Vincenzo Cuomo e dal consigliere provinciale, Arturo Fomez. Il contrasto alla forza economica delle organizzazioni criminali ha costituito dunque un terreno fondamentale di impegno delle istituzioni per garantire ai cittadini sicurezza, legalità e sviluppo economico. La Provincia di Napoli ha inoltre ribadito la necessità di uno sveltimento burocratico nella consegna e nella confisca dei beni, strumenti necessari per contrastare il potere economico della criminalità.

Commenta Stampa
di Tiziana Casciaro
Riproduzione riservata ©