Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

VILLA TRABIA (PA), FURTI D'ANTIQUARIATO


VILLA TRABIA (PA), FURTI D'ANTIQUARIATO
26/11/2008, 15:11

I poliziotti del commissariato di Bagheria (Palermo) indagano su un consistente furto di arredi d'antiquariato e opere d'arte all'interno di Villa Trabia, una delle principali residenze nobiliari del bagherese. Da anni è ormai abitata soltanto nei periodi estivi dagli eredi della famiglia che la fece costruire alla fine del Settecento. Gli attuali proprietari, due giorni fa notarono che una delle porte d'accesso laterali era stata sfondata e si accorsero del furto.
  A un primo, approssimativo inventario mancano nove quadri, due piatti in maiolica, un tavolo a fratina in noce, una coppia di lampade a petrolio, un grande vaso giapponese in porcellana, una coppia di vasetti in bisquit, una scatola rustica in 'papier mache', un cofanetto in tartaruga, una teca dorata con specchio, uno stipo in legno intarsiato, un como' siciliano a tre cassetti, un'incisione con cornice in tartaruga, un crocifisso in tartaruga con Cristo in bronzo e numerosi libri antichi, per un valore approssimativo intorno ai 300mila euro.
  Tra i preziosi trafugati spicca un olio su tela di scuola caravaggesca. Il dipinto, stimato intorno ai 30mila euro, raffigura la "Nativita'" nell'atto dell' adorazione dei pastori. Rilevante, per dimensioni e valore, anche un altro olio su tela con figure e rovine tipiche delle campagne laziali, del valore di circa 25mila euro. Le indagini puntano al fiorente mercato clandestino delle opere d'arte che spesso si avvale della compiacenza di insospettabili operatori del settore.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©