Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Villacidro, picchia la moglie incinta


Villacidro, picchia la moglie incinta
11/07/2011, 19:07

La donna è fuggita chiedendo aiuto ai vicini. La coppia, in attesa di permesso di soggiorno per asilo politico, era arrivata da due mesi nella città del Medio Campidano.

L'allarme è scattato a notte fonda. Alle 3,30 alcuni cittadini di Villacidro hanno chiamato il 112: una donna di nazionalità nigeriana era scappata dal marito che la stava picchiando. I carabinieri del nucleo radiomobile, comandanti dal capitano Marco Keten, sono intervenuti arrestando per maltrattamenti in famiglia Jerry Okundaye, 27 anni nato in Nigeria, profugo domiciliato a Villacidro richiedente asilo politico.

nato in Nigeria nel 1984, domiciliato a Villacidro, profugo in attesa di permesso di soggiorno per asilo politico. Secondo la ricostruzione dei militari, l'uomo, ubriaco, ha cercato di picchiare la giovane moglie diciannovenne, incinta. La ragazza è riuscita ad allontanarsi chiedendo aiuto ad alcuni vicini. Okundaye ha negato ogni violenza ma la diciannovenne nigeriana ha formalizzato querela. L'uomo è stato arrestato: verrà processato per direttissima. La giovane coppia fa parte di un gruppo di quindici cittadini nigeriani arrivati a Villacidro da qualche mese ospitati in alcune strutture della città grazie all’aiuto di alcune cooperative, incaricate dalla Provincia del Medio Campidano di curare le pratiche per ottenere il permesso di soggiorno per asilo politico. Okundaye il 29 maggio era stato denunciato per aver picchiato la moglie con una cinta: in quell'occasione le aveva causato 20 giorni di prognosi. Ora il profugo rischia il respingimento della richiesta di asilo politico.

Commenta Stampa
di Costel Antonescu - www.telenews.ro
Riproduzione riservata ©