Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Vincenzo De Vivo, nuovo direttore artistico del Teatro di San Carlo


Vincenzo De Vivo, nuovo direttore artistico del Teatro di San Carlo
17/11/2012, 10:19

Napoli, venerdì 16 novembre 2012_ Il Consiglio di Amministrazione del Teatro di San Carlo ha espresso quest'oggi all'unanimità parere favorevole in merito alla nomina del maestro Vincenzo De Vivo quale nuovo direttore artistico della Fondazione.
La proposta è stata presentata nel CDA di oggi dalla Sovrintendente Purchia. L'incarico ha  decorrenza immediata.
 
Rosanna Purchia, sovrintendente del Teatro di San Carlo: "La nomina artistica di Vincenzo De Vivo è un risultato importante, giunto anche attraverso un percorso di grande armonia e di unione di intenti con cui il nostro consiglio di amministrazione ha sempre lavorato. Posso dirmi soddisfatta quanto entusiasta, perché De Vivo è un grande uomo di teatro che ha fatto della ricerca la sua ragione di vita, e che attraverso il suo lavoro ha ottenuto apprezzamenti e riconoscimenti a livello internazionale. La sua nomina riempie un vuoto, e per tale motivo sento di rivolgere un doveroso ringraziamento alla determinazione dei lavoratori del San Carlo e all'amore del nostro pubblico, che ci hanno sempre sostenuto in quest'ultimo periodo".
 
“Sono felice di mettere a disposizione le mie migliori energie ed esperienze al servizio di un teatro che amo da sempre”, è il primo commento del neo direttore artistico. “E di entrare in una squadra che sta riportando il Teatro di San Carlo a livelli internazionali, grazie agli sforzi congiunti del  Consiglio d'Amministrazione, della Sovrintendente e di tutti i lavoratori. Mi impegnerò a valorizzare la qualità delle compagini artistiche e tecniche, tenendomi saldo alle radici di una tradizione straordinaria, con uno sguardo verso le generazioni future”.
Vincenzo De Vivo, salernitano, classe 1957, è figura internazionale di  spicco tra  gli esperti di musica e di organizzazione teatrale.
Organizzatore musicale nelle istituzioni più prestigiose di settore, a partire dal 1981 ha ricoperto ruoli direttivi e consultivi presso Istituzioni musicali europee.
 
Esperienza pluriennale, gran conoscenza della macchina-teatro, reputazione internazionale indiscutibile, De Vivo si distingue nel campo  artistico alla guida di istisuzioni per cui firma  stagioni di riconosciuti successi. Stagioni che sono il frutto di una visione che insieme al nome di sicuro richiamo puntano sulla scoperta e il sostegno di nuovi talenti, oltre che sul rispetto della tradizione, insieme alla curiosità per la musica contemporanea.
De Vivo ha al suo attivo molte collaborazioni con  i maggiori teatri:
Nel 1995 è stato chiamato ad assumere la Direzione Artistica del Teatro dell’Opera di Roma.
Nel 2002 è stato nominato Direttore Artistico del Teatro Comunale di Bologna.
Dal 2006 al 2009 è stato Adjunto a Intendente (Vice Sovrintendente) del Palau de les Arts di Valencia. Nel 2009 è divenuto Consulente Artistico del Teatro Carlo Felice di Genova.
 
E ancora: è  stato  Direttore Artistico e poi Consulente scientifico della Fondazione Pergolesi Spontini di Jesi (il cui progetto di Opera Omnia di Giovanni Battista Pergolesi ha ottenuto nel 2012 il Premio Abbiati della Critica musicale italiana), Direttore del Cantiere Internazionale d’Arte di Montepulciano, Consulente Artistico del Teatro Comunale di Treviso (dove - con Peter Maag e Gianni Tangucci - ha fondato La Bottega, laboratorio per giovani cantanti e musicisti), Consulente per le attività sinfonico - vocali dell’Orchestra RAI di Roma, Assistente di Roberto De Simone alla Direzione Artistica del Teatro  di San Carlo, Direttore dell’organizzazione Artistica al Teatro La Fenice di Venezia, Consigliere di Amministrazione dell’Accademia Musicale Chigiana di Siena.
 
Grande la sua esperienza didattica nel campo del management dello spettacolo e della vocalità.
Ha tenuto corsi di management musicale per l’Accademia di Arti e Mestieri del Teatro alla Scala, è stato maestro assistente per il Corso speciale d’Opera dell’Accademia Chigiana di Siena.  Attualmente insegna al Corso superiore di Management musicale presso il Conservatorio di Santa Cecilia di Roma ed è Direttore Artistico dell’Accademia Lirica di Osimo.
 
Fitto il catalogo delle pubblicazioni: sull’Opera italiana del XVIII e XIX secolo, curato il Catalogo delle opere di Antonio Scontrino e la ricostruzione della partitura de L’Ape musicale di Lorenzo Da Ponte e di Theatralisches Abentheuer di Goethe.
 
Intenso il lavoro di autore: di libretti per  i compositori Dall’Ongaro, Ferrero, Rendine e di versioni ritmiche italiane di opere di Bizet, Mozart, Offenbach,  Poulenc, J. Strauss jr.
Il Festival della Valle d’Itria gli ha commissionato il libretto dell’opera Nûr, con musica di Marco Taralli, andata in scena il 21 luglio 2012 a Martina Franca.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©