Cronaca / Sesso

Commenta Stampa

Il branco aggredì la donna il nel 2007 a Lecce

Violentarono straniera incinta, condannati a tre anni


Violentarono straniera incinta, condannati a tre anni
09/10/2009, 18:10

Luca Pacentrilli, 20 anni, leccese, e Ariel Shkjezi, 21 anni, albanese, sono stati condannati con rito abbreviato a tre anni ed otto mesi di reclusione. Sono due presunti componenti del branco che, la notte del 4 maggio 2007, aggredì una ragazza somala di 21 anni, salvata dagli aguzzini soltanto grazie all’intervento di un passante.
La ragazza, quella notte, vagava per strada da sola di notte nei pressi di porta Napoli, dopo essere stata abbandonata dal fidanzato. Era incinta di quattro mesi.L’incubo per lei iniziò quando fu notata da un gruppo di sei giovani. Le si avventarono addosso, deridendola per il colore della pelle, sputandole addosso, trattandola come se fosse un oggetto. Su di lei, come successivamente raccontato dalla vittima, il branco avrebbe buttato acqua e birra, cercando di costringerla a compiere atti sessuali e minacciandola se non avesse assecondato le loro richieste. L’aggressione fu interrotta solo grazie all’intervento di un passante che, notando la scena, telefonò al 113. Il pubblico ministero Maria Cristina Rizzo aveva richiesto sei anni di reclusione per i reati di violenza sessuale di gruppo aggravata dalla discriminazione razziale. Il prossimo 6 novembre inizierà il processo per gli altri quattro presunti responsabili. Del branco avrebbero fatto parte anche due minori, di 17 e 15 anni, già condannati dal Tribunale dei minorenni a quattro anni e mezzo di reclusione.
 

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©