Cronaca / Sesso

Commenta Stampa

La scoperta dopo una denuncia del fidanzato della giovane

Violentata dal padre da 10 anni, annotava tutto in un diario


Violentata dal padre da 10 anni, annotava tutto in un diario
15/01/2013, 12:26

COSENZA - Un meccanico di Cosenza è stato arrestato per violenza sessuale pluriaggravata a danno di minori. La vittima è stata una delle sue figlie adottive, stuprata sin dall'età di 9 anni. 
I fatti risalgono ad una decina di anni fa. L'uomo e la moglie non potevano avere figli e decisero di ricorrere all'adozione internazionale, adottando due bambine bielorusse, una di 9 e una di 10 anni. Passarono un periodo di acuni mesi in quel Paese e poi tornarono a Cosenza con le due figlie adottive. E per la più piccola comincià subito l'incubo: il padre adottivo cominciò ad allungarle le mani addosso ed in breve ci fu il primo stuprio. Tutto quello che accadeva la ragazza lo segnava in un diario, che però non faceva leggere a nessuno. I rapporti avvenivano di solito fuori dalla casa, dato che l'uomo teneva la moglie all'oscuro di quanto accadeva. 
Man mano che la ragazza cresceva, cominciava a conoscere i ragazzi e a frequentarli. Ma quando si fidanzò, il padre affrontò il ragazzo, minacciandolo e costringendolo a darsi alla fuga. Stessa cosa con un secondo un paio di anni dopo. Nel frattempo le violenze sulla ragazza continuavano, senza che lei potesse reagire. 
Le cose sono cambiate con quello che è stato il terzo fidanzato della ragazza. Anche in questo caso il padre lo affrontò minacciandolo; e poichè questo non lo dissuase, lo picchiò. Ma la reazione del ragazzo fu di denunciare l'uomo per lesioni. Da qui partirono le indagini, che hanno portato poi all'interrogatorio della ragazza. La quale, davanti ai Carabinieri che la interrogavano, ha parlato dell'orrore che viveva da 10 anni, consegnando anche il diario in cui aveva annotato tutto quello che accadeva. E quindi, di conseguenza, sono scattate le manette per il padre adottivo. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©