Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Violenza sulle donne: protocollo d’intesa tra Questura, Ufficio Scolastico Regionale e Ordine degli Psicologi


Violenza sulle donne: protocollo d’intesa tra Questura, Ufficio Scolastico Regionale e Ordine degli Psicologi
25/11/2013, 15:35

NAPOLI - Questa mattina, presso l’ITI “Marie Curie” di Ponticelli, in concomitanza con la Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, è stato siglato un protocollo d’intesa tra la Questura di Napoli, l’Ufficio Scolastico Regionale della Campania e l’Ordine Regionale degli Psicologi sul tema della violenza di genere.
L’accordo, che darà vita ad un progetto denominato “Educare alla parità”, è finalizzato a garantire informazione e formazione agli adolescenti dell’ultimo anno della scuola media e dei primi anni della scuola superiore sul tema della violenza sulle donne.
L’iniziativa in questione prosegue la strada intrapresa già nel 2010 dalla Polizia di Stato – d’intesa con l’Ufficio Scolastico Regionale – con il progetto “…Differentemente  uguali…” che ebbe grande risonanza in ambito scolastico e che vide la partecipazione, alla cerimonia di chiusura, del Ministro per le Pari Opportunità.
“Educare alla parità” prevede che gli operatori di polizia, unitamente agli insegnanti ed agli psicologi, cercheranno di sensibilizzare i giovani sulla problematica oggetto del progetto, partendo dalla violenza all’interno delle mura domestiche, fino all’analisi del fenomeno nel senso più ampio del termine, nel tentativo di predisporre un reticolato di protezione e di informazione.
Tra gli obiettivi previsti da protocollo vi è quello di “… contribuire alla ricostituzione di un equilibrato parallelismo nel rapporto uomo/donna, identificare e prevenire segnali di violenza in generale, nonché promuovere l’attività di “peer education” – educazione alla pari -, considerando, a larga scala, che la violenza sulle donne è un problema mondiale non ancora sufficientemente riconosciuto e denunciato, come confermano numerose ricerche sull’argomento, realizzate in diversi Paesi europei…”.
Gli operatori della Polizia di Stato coinvolti nell’iniziativa saranno presenti in tutti i momenti del percorso, con interventi che si rimoduleranno da caso a caso e, a seconda delle circostanze, sia quando vi sarà il diretto coinvolgimento degli studenti, sia allorquando sarà richiesto il confronto con i docenti ed i genitori.
Il progetto prevede, inoltre, la realizzazione di elaborati di vario genere che saranno presentati alla manifestazione finale che avrà luogo entro la fine dell’anno scolastico 2013/2014.
Il protocollo d’intesa è stato firmato dal Questore Luigi Merolla, dal Direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale Diego Bouché e dal Presidente dell’Ordine Regionale degli Psicologi Raffaele Felaco.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©