Cronaca / Sangue

Commenta Stampa

Rissa per una ragazza: giovane perde un occhio

Violenza tascabile:diciassette anni con coltello per difendersi


Violenza tascabile:diciassette anni con coltello per difendersi
20/09/2010, 19:09

POZZUOLI – Una parola di troppo, un apprezzamento verso una ragazza, e poi la lite. Botte, calci e pugni. Poi un coltello. Ancora una volta una sceneggiatura già conosciuta in molte occasioni lungo le strade napoletane, dalle periferie al centro.
Uno sguardo di troppo, una ragazza che attrae ma già impegnata o “protetta” dagli amici che non vogliono nessuno gironzolare intorno. La scena si è ripetuta anche la scorsa notte.
A Licola i carabinieri hanno arrestato per tentato omicidio un 17enne di Napoli e per rissa altre due persone. Si tratta di Gennaro Di Guida, 24enne, residente a Napoli e Alessandro Torriere, 24 anni, residente ad Acerra.
È stato denunciato per rissa un 21enne già noto alle forze dell'ordine e un 17enne, entrambi di Napoli.
È degenerato tutto in breve, in uno stabilimento balneare di viale della Sibilla, un tratto di periferia compresa tra Cuma e Licola. La lite e' scoppiata durante una serata danzante.
Secondo una ricostruzione, il 21enne, spalleggiato da Di Guida e Torriere, ha affrontato i due minori perché avrebbero importunato una conoscente; da qui la rissa tra i cinque, durante la quale il minorenne arrestato ha estratto un coltello dalla tasca ferendo il 21enne, Torriere e un 27enne di Mugnano intervenuto per sedare la lite, fino a quando non è stato bloccato e disarmato dal titolare del locale, un 46enne del luogo.
L’altro minore è stato trasportato al pronto soccorso dell’ospedale Pellegrini, dove è stato riscontrato lo scoppio del bulbo oculare sinistro e la conseguente perdita della funzionalità dell'organo. La prognosi resta riservata.
Sono stati medicati anche gli altri cinque partecipanti alla rissa, con prognosi tra i 5 e i 7 giorni per ferite da taglio o contusioni.
Il 17enne arrestato e' stato accompagnato al centro di prima accoglienza dei Colli Aminei

Commenta Stampa
di Elisabetta Froncillo
Riproduzione riservata ©