Cronaca / Sangue

Commenta Stampa

La donna aveva inizialmente parlato di un incidente d'auto

Viterbo: arrestata per il tentato omicidio del figlio di 5 anni


Viterbo: arrestata per il tentato omicidio del figlio di 5 anni
10/02/2010, 11:02

VITERBO - Una donna di cinquanta anni di Viterbo, africana ma residente da 30 anni in Italia e sposata con un italiano, è stata arrestata oggi, con l'accusa di tentato omicidio e lesioni gravissime inferte al proprio figlio adottivo di soli 5 anni. I fatti risalgono al 2 febbraio quando il 118 fu chiamato a Viterbo, per un incidente automobilistico e trova un bambino steso a terra, in un lago di sangue. Immediatamente soccorso, il bambino viene portato al Policlino Gemelli di Roma e ricoverato nel reparto di terapia intensiva, dove è tuttora. La donna, sentita dalla Polizia, racconta che si era fermata con l'autovettura e aveva fatto scendere il bambino per fargli fare un bisognino; ma che poi, involontariamente, l'aveva colpito indietreggiando con la vettura. Ma le sue dichiarazioni non convincono gli inquirenti, perchè le ferite non sono compatibili e la vettura non reca tracce dell'impatto. Così sono iniziate le indagini, che hanno avuto conferma quando il bambino si è rimesso a sufficienza da poter raccontare l'accaduto. E ha detto che la donna l'ha colpito con un oggetto contundente (che però non è stato trovato) e gli ha sbattuto ripetutamente la testa per terra.
A seguito di questo, la Polizia ha arrestato la donna, che adesso dovrà rispondere dei reati commessi.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©