Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

I dati allarmanti del nuovo rapporto Istat

Vola la disoccupazione in Italia: record al 10,2 per cento

Colpiti i giovani: un giovane su tre senza lavoro

Vola la disoccupazione in Italia: record al 10,2 per cento
01/06/2012, 11:06

ROMA - Mai più disoccupati di così. Sono notizie allarmanti quelle che arrivano dal mercato del lavoro: ad aprile il numero dei disoccupati è aumentato fino al 10,2 per cento, in rialzo di 0,1 punti percentuali su marzo e di 2,2 punti su base annua. In altre parole, questo vuol dire che tra marzo e aprile circa 38mila persone hanno perso il lavoro. A farsi portavoce di questo triste rapporto è l’Istat, secondo cui si tratterebbe del più alto tasso di disoccupazione dal gennaio del 2004, ovvero da quando iniziarono le analisi mensili.
Ancora più drammatici sono i dati su base trimestrale: i senza lavoro nei primi 3 mesi dell’anno sono saliti al 10,9 per cento: con un aumento di 2,3 punti percentuali su base annua. Ancora una volta, però, a pagare il conto più salato sonno i giovani tra i 15 e i 24 anni: ad aprile i senza lavoro sono il 35,2 per cento, in diminuzione di 0,8 punti percentuali su marzo, ma un aumento di 7,9 punti su base annua. In particolare, secondo i dati dell’Istat, è disoccupato più di un giovane su tre di coloro che partecipano attivamente al mercato del lavoro. Complessivamente il numero dei disoccupati ad aprile è salito a 2.615.000, il livello più alto da gennaio 2004 e, guardando al trimestrale, dal secondo trimestre del 1999. Il rialzo è dell’1,5 per cento su marzo (+38mila unità), ma su base annua l’aumento è del 31,1 per cento: 621mila unità.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©