Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Capodanno: “ Vittima dell’asfalto e dell’indifferenza ”

Vomero: albero “assassinato” in via Tino di Camaino


Vomero: albero “assassinato” in via Tino di Camaino
22/11/2010, 16:11

 “ Come se non bastassero le numerose fonti d’albero vuote da tempo nelle strade del Vomero per la morte di tanti platani afflitti dal cancro colorato e dall’incuria nella quale sono tuttora costrette a rimanere le essenze sopravvissute, immerse nello smog e nei veleni quotidiani – afferma Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari -, e le perdite di tante palme, come quelle in piazza degli Artisti o in piazza Vanvitelli, attaccate e distrutte ad una ad una, senza colpo ferire, dal famigerato punteruolo rosso, col risultato di depauperare quel poco verde pubblico ancora a disposizione degli abitanti della collina, adesso ci si mette anche la mano dell’uomo “.

“ Un esempio emblematico di quanto asserito si verifica in via Tino di Camaino, all’incrocio con via Angelica Kauffmann – prosegue Capodanno -. Qui tempo addietro è stato realizzato il prolungamento del marciapiede, eliminando l’accesso alla carreggiata, ed un albero che, per sua sfortuna, si trovava quasi nella mezzeria dell’incrocio è stato letteralmente “cementificato” alla base, tra cubetti di porfido ed asfalto ( foto allegata ) “.

“ Risultato! – continua Capodanno -. Inascoltate, anche da parte degli organismi che dovrebbero occupare della tutela del verde pubblico, le richieste e le proteste tese a fare in modo che venisse creata una fonte d’albero adeguata attorno alla pianta, in modo da consentirle di alimentarsi e crescere adeguatamente, quest’ultima, dopo una lunga agonia, è morta, lasciando però il tronco ed i pochi rami rinsecchiti a ricordare a tutti, a memoria imperitura, il “crimine” commesso “.

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©