Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Vomero: fine settimana con strade invase da ambulanti


Vomero: fine settimana con strade invase da ambulanti
17/01/2010, 19:01

NAPOLI - “ Non si può combattere il fenomeno dell’ambulantato abusivo con blitz della durata di una giornata – afferma Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, già presidente della Circoscrizione Vomero -. Non è così che si può pensare di ripristinare la legalità. Una linea dura è quella che prevede un controllo continuo, fatto, caso mai, con meno dei 60 caschi bianchi di cui si è data notizia sulla stampa, visto che il territorio da controllare è abbastanza limitato, ma da svolgere tutti i giorni e con vigili appiedati. Non si può pensare che la sola vista di un’autovettura con lampeggiante possa scoraggiare gli ambulanti. Nei fatti, una volta che il mezzo è transitato, quest’ultimi tornano al loro posto “.
“ In questo fine settimana il Vomero è stato letteralmente invaso dagli ambulanti abusivi che si sono impossessati sia dell’isola pedonale di via Scarlatti, sia dei tratti, pedonalizzati e non pedonalizzati, di via Luca Giordano – prosegue Capodanno -. Un ricco dossier fotografico è a disposizione di chi volesse conoscere la situazione che si è determinata ( stralcio foto allegate ) Non c’era un solo centimetro di marciapiede dove non si notassero banchetti e lenzuoli stesi con mercanzie delle più varie specie, per lo più prodotti contraffatti o di dubbia provenienza. Molti si sono posizionati anche davanti alle vetrine e sotto i balconi, riducendo lo spazio a disposizione dei pedoni ad una striscia limitato, dopo bisognava mettersi in fila “.
“ Non si può combattere un fenomeno di questo genere, che rappresenta tra l’altro un mercato molto fiorente e che fattura al nero milioni di euro all’anno con iniziative di mera facciata – continua Capodanno -. I commercianti del Vomero hanno più volte sollecitato con petizioni ed iniziative una soluzione al problema che preveda l’eliminazione totale del fenomeno dell’ambulantato abusivo, che al Vomero ha raggiunto, negli ultimi tempi, punte impressionanti “.
“ Bisogna dimostrare con i fatti – conclude Capodanno – che esiste la seria volontà di restituire i marciapiedi al loro uso naturale, vale a dire al transito dei pedoni, evitando che ogni giorno per le strade del quartiere collinare il terziario commerciale si svolga su due ben diversi livelli. Quello regolare, effettuato dagli oltre 1.600 esercizi a posto fisso che operano al Vomero, pagando tasse e balzelli vari, e quello illegale alimentato da centinaia di ambulanti abusivi che non solo non versano un euro nelle casse dello Stato ma, presumibilmente, ne versano parecchi nelle casse della delinquenza organizzata che ha tutti gli interessi ad alimentarlo e mantenerlo in vita “.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©