Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Vomero, le scale immobili di via Cimarosa


Vomero, le  scale immobili di via Cimarosa
04/07/2011, 10:07

“ Oramai al Vomero è una costante. Da quando sono state inaugurate, in pompa magna, il 16 ottobre del 2002, non si contano le volte che almeno una delle tre rampe delle scale mobili di collegamento tra le funicolari e la stazione del metrò collinare di piazza Vanvitelli non può essere utilizzata, per i guasti più vari, dalle tante persone, per lo più anziane o con difficoltà di deambulazione, che devono raggiungere via Cimarosa o l’area di San Martino – denuncia Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari -. L’ultimo fermo, verificatosi diversi giorni addietro ma che perdura a tutt’oggi, riguarda la rampa che collega piazza Fuga con via Cimarosa. A testimonianza dei tanti giorni trascorsi nell’attesa di una riparazione che non è ancora avvenuta e che chissà quando avverrà, il fatto che l’area dove sono ubicate le scale, sbarrata da un cancello con tanto di catenaccio, è diventata un ricettacolo di rifiuti ( foto allegata ) “.

“ Certo la mancanza di una copertura, con un materiale che non avrebbe avuto impatto ambientale, la quale andava realizzata all’atto della costruzione dell’impianto – prosegue Capodanno -, sottopone questa rampa, rispetto alle altre due, ad un maggior rischio di guasti, per la palese esposizione alle intemperie “.

“ In ogni caso non è possibile fermare un impianto fondamentale per i collegamenti con l’intera zona di San Martino senza neppure uno straccio di cartello che precisi i tempi ed i motivi del fermo. E’ questione anche di rispetto nei confronti dei cittadini che vengono privati di un servizio pubblico essenziale “.

“ Considerando che per la realizzazione di tutto l’impianto di collegamento – conclude Capodanno - ci sono voluti circa due anni e si sono spesi circa 4 miliardi delle vecchie lire sarebbe il caso che l’amministrazione comunale nominasse una commissione d’indagine per verificare i motivi di questi frequenti guasti, nonché le ragioni dei lunghi tempi di riparazione ”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©