Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Vomero: rapinatori di scooter e telefonini individuati dai carabinieri

Per conquistare un iphone avevano accoltellato un passante

Vomero: rapinatori di scooter e telefonini individuati dai carabinieri
20/07/2013, 11:03

VOMERO - I carabinieri della compagnia Napoli centro, dopo indagini finalizzate a contrastare il fenomeno delle rapine, consumate nel centro storico del capoluogo partenopeo nelle ore notturne, hanno sottoposto a fermo di indiziato di delitto, per rapina aggravata continuata e lesioni personale aggravate, un 15enne, e denunciavano per i medesimi reati commessi in concorso, un 20 enne attualmente detenuto per reati dello stesso genere.

In dettaglio, la notte del 13 luglio i due, uno armato di coltello, avevano aggredito un passante 32enne che transitava per via gigante alla guida del suo scooter di grossa cilindrata, costringendolo a consegnare il mezzo a due ruote. Successivamente entrambi in sella al potente motociclo, appena rapinato, avevano aggredito anche un passante 31enne che stava transitando sul Corso Vittorio Emanuele, quest’ ultimo,  nel tentativo di difendere il suo nuovissimo iphone, ha accennato una reazione la quale a scatenato la violenza dei malviventi. Il più piccolo dei malfattori, infatti, gli ha sferrato una coltellata alla gamba sinistra. i rapinatori si sono dati alla fuga con lo smart phone  appena rapinato ed il malcapitato è stato medicato per una ferita da taglio guaribile in 10 gg.

Nel corso delle indagini conseguenti le rapine i carabinieri hanno potuto restringere il numero dei sospettati grazie alle accurate descrizioni dei tratti somatici dei rapinatori, fornite dalle vittime. Successivamente, con l’utilizzo del sistema informatico weblase i due sono stati individuati formalmente dalle vittime. Il minorenne è stato accompagnato al centro di prima accoglienza sul viale Colli Aminei. Indagini in corso allo scopo di accertare eventuali ulteriori responsabilità dei due anche in ordine alla commissione di analoghi reati perpetrati con le medesime modalità.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©