Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Vomero: sottoscritta la petizione contro gli ambulanti


Vomero: sottoscritta la petizione contro gli ambulanti
18/11/2009, 15:11


NAPOLI - Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari e promotore della petizione per combattere l’ambulantato abusivo che sta invadendo il Vomero, esprime soddisfazione per le numerose firme raccolte in soli due giorni da parte dei commercianti a posto fisso e dei residenti di via Luca Giordano, una delle strade più interessante dal dilagante fenomeno dell’abusivismo commerciale. "I sottoscritti abitanti e commercianti di via Luca Giordano – si legge nella petizione predisposta dallo stesso Capodanno - nel tratto tra via Scarlatti e piazza degli Artisti, in considerazione del dato, riscontrabile quotidianamente, della presenza diffusa sui marciapiedi di ambulanti abusivi che vendono ogni tipo di merce, che tale fenomeno sta subendo un notevole incremento con l’approssimarsi del periodo natalizio, che l’occupazione abusiva dei marciapiedi oltre a creare disagi alla viabilità pedonale, ostruisce anche l’accesso alle attività commerciali, chiedono, in analogia con quanto già accade nella limitrofa isola pedonale di via Scarlatti, al fine di debellare il fenomeno denunciato, d’istituire un’opportuna vigilanza da effettuarsi durante l’intera giornata, anche attraverso una postazione mobile da allocarsi all’interno del tratto pedonalizzato". "La petizione – precisa Capodanno – è indirizzata al sindaco di Napoli, agli assessori alla mobilità urbana e al commercio, ed al presidente della municipalità. Naturalmente il problema non riguarda solo via Luca Giordano ma tutte le strade e piazze dell’area collinare dove si verifica il fenomeno. In caso contrario avremmo solo una migrazione di ambulanti abusivi da una zona ad un’altra, così come è successo quando si è deciso di presidiare il solo tratto pedonalizzato di via Scarlatti, dove attualmente operano pattuglie miste formate da finanzieri e soldati". “Se non arriveranno risposte rapide e concrete atte alla soluzione del problema sollevato – conclude Capodanno – si valuteranno insieme agli interessati tutte le iniziative da mettere in campo, non escludendo un’eventuale serrata, in segno di protesta, dei commercianti a posto fisso".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©