Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Writers, Santori (PDL): “sfregi non meritano sconti”


Writers, Santori (PDL): “sfregi non meritano sconti”
13/12/2010, 11:12

Roma, 13 Dicembre 2010 - "L'atto vandalico, verificatosi alle prime luci dell'alba di ieri sulla linea metropolitana Roma - Pantano, è un gesto gravissimo, di spregio nei confronti dei beni pubblici e che pertanto non merita sconti. Individuare subito i responsabili e come sanzione occorre far ripulire loro i muri della città per un anno, gratuitamente, senza alcun esborso di denaro pubblico. Secondo quanto previsto dalla Legge n. 94 del 15 luglio 2009, Disposizioni in materia di Sicurezza Urbana, infatti, è possibile in taluni casi scontare la pena lavorando senza retribuzione a favore della collettività, secondo le modalità indicate dal giudice nella sentenza di condanna, evitando in tal modo il sovraffollamento delle carceri e favorendo il reinserimento sociale dei giovani" è quanto dichiara Fabrizio Santori, presidente della Commissione sicurezza di Roma Capitale. "Oltre a punizioni esemplari, per scoraggiare altri dall'emulare atti vandalici di questo tipo, è necessario inserire i responsabili nel progetto "Stop Graffiti" - voluto dall'Ufficio Sicurezza del Comune di Roma - un percorso di legalità nella lotta al degrado e al recupero del patrimonio cittadino e dei giovani coinvolti in reati di teppismo e danneggiamento del patrimonio pubblico. L’inclusione sociale, associata a idonei percorsi di tirocinio formativo e di orientamento professionale a favore di soggetti in condizioni di disagio, finalizzati all’acquisizione di competenze di base professionali, resta uno degli obiettivi primari dell’Amministrazione capitolina. A questi provvedimenti è comunque necessario affiancare un potenziamento dei controlli, soprattutto durante la notte, al fine di cogliere in flagrante i responsabili di imbrattamento di muri, panchine, pensiline, barriere antirumore, cartelli stradali, metropolitane, cassonetti. Ormai la città è invasa da scritte e dai pastrocchi chiamati tag con costi enormi sia per i privati che per gli enti locali o per le aziende municipalizzate coinvolte nella pulizia e nel ripristino del decoro" conclude Santori.

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©