Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

WUF, Cesaro: “Oggi a Napoli disegnate le metropoli del futuro”


WUF, Cesaro: “Oggi a Napoli disegnate le metropoli del futuro”
03/09/2012, 13:39

“Questo grande evento che oggi ospitiamo nella nostra Città è il riconoscimento ufficiale da parte della comunità internazionale e della massima organizzazione planetaria qual è l’ONU, che siamo in grado di ospitare, promuovere, gestire appuntamenti e manifestazioni di spessore mondiale: oggi a Napoli vengono disegnate le metropoli del futuro ”.

Così il presidente della Provincia di Napoli, Luigi Cesaro, ha aperto il suo intervento alla cerimonia inaugurale della sesta edizione del World Urban Forum stamane alla Mostra d’Oltremare a Napoli

 “Chi più di noi – ha continuato Cesaro – aveva le caratteristiche idonee per ospitare la sesta edizione del World Urban Forum? La nostra è l’area urbana italiana con maggiore densità abitativa, che si sviluppa su un territorio su cui insistono ben due aree vulcaniche.

Urbanisti, economisti, ingegneri ed architetti qui trovano un banco di prova duro ed estremo per le loro teorie ed i loro studi.

Napoli non poteva mancare quest’appuntamento, che non deve essere un obiettivo, ma il punto di partenza di una politica di apertura ai grandi eventi internazionali, che nella nostra città debbono trovare la giusta sede come metropoli al centro del bacino del Mediterraneo”.

“Come Provincia siamo particolarmente interessati allo sviluppo delle tematiche intorno alla Città metropolitana, e per domani  abbiamo organizzato un convegno su questo tema a cui prenderanno parte esponenti del governo, nella persona del ministro Filippo Patroni Griffi, dei comuni e delle province interessate alla riforma. Sono fortemente convinto – ha concluso il presidente della Provincia di Napoli Luigi Cesaro - che ciò di cui parleremo possa avere anche orizzonti più ampi, perché queste innovazioni, attualissime in Italia, riguardano senz’altro tutte le grandi aree urbane del pianeta, specie in questa cruciale fase di evoluzione della politica economica globale”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©