Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Troppi ancora i casi di bambini colpiti

X Giornata mondiale contro il cancro infantile, sms al 45593


X Giornata mondiale contro il cancro infantile, sms al 45593
16/02/2012, 12:02

ROMA- Bambini e malattie incurabili un connubio che non dovrebbe esistere ma che invece ogni anno annovera sempre  più piccoli pazienti da aiutare e sostenere psicologicamente assieme ai loro familiari.
In Italia sono 2100, tra bambini ed adolescenti da 0 a 18 anni, che si ammalano di cancro con un preoccupante incremento annuo di casi stimato tra il 1,5 ed il 2%, secondo i dati raccolti dall’ Associazione Italiana Ematologia Oncologia Pediatrica.
Va detto che però la sperimentazione e la ricerca stanno facendo la loro parte e stanno raggiungendo buoni livelli di cura e in patologie come le leucemie ed i linfomi anche di guarigione. Rimangono ancora basse le possibilità di guarigione per patologie come i tumori cerebrali, neuroblastomi e osteosarcomi. Nei paesi “ricchi” la percentuale di guarigione si attesta intorno al 75%. Ma nel mondo solo il 20% dei bambini ha la possibilità di accedere a cure mediche adeguate.

Ecco perché è quasi un dovere di tutti sostenere iniziative come la X Giornata Mondiale contro il Cancro Infantile che in Italia vede impegnate le associazioni di genitori federate FIAGOP onlus ( Federazione italiana associazioni genitori oncoematologia pediatrica) insieme alla AIEOP, unite da un accordo di “Alleanza Terapeutica” siglato nel 2008 per organizzare a Roma il 17 e 18 febbraio la X giornata mondiale contro il cancro infantile. Va inoltre aggiunto che dal 3 al 20 febbraio sarà attiva la campagna raccolta fondi “l’Amore, Cura!” .  Con un semplice sms solidale al numero 45593, 1 Euro da cellulare e 2 Euro da rete fissa, si potrà sostenere la campagna fondi per il progetto di Supporto psico-oncologico in pediatria : “Sostegno, valutazione e riabilitazione per il paziente oncoematologico pediatrico affetto da tumore solido.”

Commenta Stampa
di Simona Buonaura
Riproduzione riservata ©