Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il mittente si dichiara pregiudicato: inquirenti all'opera

Yara, nuova lettera anonima: "Voglio aiutarvi a trovarla"


Yara, nuova lettera anonima: 'Voglio aiutarvi a trovarla'
23/01/2011, 21:01

BERGAMO - Appena arrivata in redazione, quelli del sito Bergamo news non hanno perso tempo, consegnando il tutto agli inquirenti. Una missiva diversa da quella consegnata qualche settimana fa, non realizzata con lettere ritagliate. Poche righe anonime che agitano le indagini sulla scomparsa di Yara Gambirasio, la tredicenne scomparsa da Brembate la sera del 26 novembre. Quaranta, per l’esattezza, indirizzate al comandante provinciale dei carabinieri di Bergamo che sono state poi diffuse per conoscenza ad alcune testate giornalistiche locali. La domanda è la seguente: chi è il mittente? Un mitomane, un folle?  Da quelle righe emerge la volontà di un uomo di far tornare a casa la ragazzina.  Chi l’ha scritta dice di essere un pregiudicato già arrestato dalla polizia, un "soggetto a rischio" che però "non sopporta gli schifosi che fanno male ai ragazzini" e per questo si dice pronto "a dare una mano ai carabinieri nel caso in cui Yara venisse ritrovata".. L’uomo, come già altri anonimi in passato, suggerisce di cercare “nel cantiere del nuovo supermercato”. Il “pregiudicato” conclude la lettera dicendo: “Non sono né un pazzo né un mitomane. Voglio solo dare una mano a far tornare a casa questa bambina”.

Commenta Stampa
di Davide Gambardella
Riproduzione riservata ©