Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Caos traffico, ancora critica la viabilità a Napoli

Ztl a Chiaia e la Tangenziale va in tilt


.

Ztl a Chiaia e la Tangenziale va in tilt
28/03/2012, 15:03

NAPOLI - Ci risiamo. Il centro di Napoli viene chiuso al traffico per la fase propedeutica alle preregate dell’America’s Cup e la città ripiomba nella paralisi. Code, ingorghi, lunghe file di auto nei punti nevralgici della city: in una parola, il caos. L’unica via d’uscita, se i mezzi di trasporto sono fuori uso, è la Tangenziale di Napoli, un inferno metropolitano di lamiere e motori congestionato già dalle prime ore della mattinata. Se fino ad un paio di settimane fa la situazione era caotica ma piuttosto scorrevole, negli ultimi giorni l’arteria che abbraccia la terza città di Italia si è nuovamente tramutata in un imbuto. Complice ovviamente le Ztl del centro cittadino, che da piazza Dante fino alla zona rossa di Chiaia sono chiuse al traffico veicolare. Non bastavano i rincari del carburante e della Tangenziale gestita dalla famiglia Pomicino ad inviperire gli automobilisti partenopei, abituati ad una continua partita a dama per trovare posizioni su uno scacchiere urbano impazzito. Ci si mettono anche i divieti di Palazzo San Giacomo e i continui inviti ad “avere pazienza” propinati dal sindaco quando la pentola che bolle rischia di saltare in aria. E se la situazione traffico migliora per le strade del salotto buono della città, oggi libere dalle code che due giorni fa hanno esasperato la cittadinanza, a pagare maggiormente sono i napoletani che ogni mattina si dirigono verso il centro passando per le Forche Caudine della Tangenziale di Napoli.
 
Facile dare risposte alle domande che ogni giorno ci poniamo noi della Julie: a pagare, si sa, sono i napoletani, i tartassatissimi cittadini che all’ombra del Vesuvio subiscono i rincari delle polizze auto ed una tassa di circolazione aumentata del 10%, una viabilità che privilegia sempre più il sistema privato, le continue stangate sul carburante e le accise territoriali tra le più alti d’Europa. Ad un interrogativo però noi non riusciamo ancora a trovare risposta: chi ci guadagna in questa situazione di eccezionale caos metropolitano? Vi terremo informati anche su questo…

Commenta Stampa
di daga
Riproduzione riservata ©