Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

11 marzo, a Bologna presentazione de Cristiani d'Italia


11 marzo, a Bologna presentazione de Cristiani d'Italia
10/03/2011, 14:03

Mostra promossa dalla Fondazione per le scienze religiose Giovanni XXIII e dall'Istituto dell'Enciclopedia Italiana Treccani.
In collaborazione con Ansa, Centro Sperimentale di Cinematografia, Cineteca Comunale di Bologna, Fondazione Corriere della Sera, Fondazione Ente dello Spettacolo, Fondo Rodrigo Pais, Home Video, Istituto Luce Cinecittà, Museo Archeologico di Bologna, MUMA museo virtuale delle missioni, Piccolo museo di videostoria religiosa, Rai 150°, Rai3, Rai Storia, Teche Rai, realizzata con il patrocinio e il sostegno del Comune di Bologna, Provincia di Bologna, Regione Emilia-Romagna, grazie a Banca Popolare dell'Emilia Romagna, Artoni Trasporti Spa, Fondazione Carisbo, Ferrovie dello Stato, Manutencoop, Poste Italiane Unicredit.

In mostra una serie di documenti cinematografici, fotografici, televisivi e amatoriali dai più importanti archivi per raccontare la storia dei cristiani d'Italia fatta di date, luoghi, volti, immagini e frammenti di video cult e repertori inediti. Uno straordinario viaggio attraverso la memoria di una nazione nelle sue unità e nelle sue differenze.

Indagare i rapporti tra Stato, Chiese e Società in Italia attraverso una mostra diffusa, allestita in diverse sedi della città di Bologna. Rappresentare i "Cristiani d'Italia" nella presenza e partecipazione di grandi soggetti collettivi alla storia nazionale nelle sue sistole e diastole, nelle sue accelerazioni e nelle sue involuzioni.

Questo l'ambizioso progetto, che ha coinvolto numerosi attori, e che si presenta in forma articolata con installazioni site specific distribuite in molteplici location cittadine: da Palazzo D'Accursio all'Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna, dall'Istituto Storico Parri al Chiostro della Basilica di Santo Stefano, dalla sede delle Poste di Bologna Centro, in piazza Minghetti, alla Chiesa Evangelica Metodista, dalla Biblioteca Dossetti al Museo Civico Archeologico.

"Cristiani d'Italia. I centocinquat'anni di Chiese, Stato e società" si offre nella veste di itinerario multimediale e si snoda attraverso reperti cinematografici, fotografici, televisivi e amatoriali raccolti e presentati dalla Fondazione per le scienze religiose Giovanni XXIII e forniti dagli Archivi, messi a disposizione gratuitamente, di Ansa, Cineteca Comunale di Bologna, Fondazione Ente dello Spettacolo, Fondo Rodrigo Pais, Cinecittà Luce, Rai Storia e Teche Rai (le strutture di storia della Rai), Fondazione Corriere della Sera, Fondazione Centro Culturale Valdese di Torre Pellice. La mostra si inserisce nella rete delle "grandi mostre", per il 150° anniversario dell'Unità d'Italia, approvate dalla struttura di missione negli anni 2008-2010. Ogni location proporrà una diversa installazione.

Ecco allora che l'inaugurazione del 16 marzo (alle 17) a Palazzo D'Accursio, in piazza Maggiore, e a Palazzo Malvezzi, aprirà il lungo programma che si concluderà solo il 3 giugno 2011. Ogni sede un evento: videomostre, foto, clip, installazioni appese a un filo.  Il cortile d'onore di Palazzo D'Accursio (16 marzo-3 giugno) propone "Timeline" di Federico Ruozzi, la sciarpa che riporta le foto del repertorio Treccani sui cristiani in Italia, "La storia (della chiesa) siamo noi", cubo antologico d'autore di Giovanni MInoli con 150 punti di vista sulla vita dei cristiani dall'archivio di Rai Storia e "L'occhio di Pais" di Guido Gambetta e Salvatore Mirabella, con i reportage del fotografo de "L'Unità". Nel Chiostro della Basilica di Santo Stefano (16 marzo-10 aprile) i "Preti al cinema", stereotipi e modelli sul grande schermo, di Dario Viganò ed Enrico Magrelli. Alla Biblioteca Dossetti (16 marzo-3 giugno) verrà proposta la testimonianza del fotografo Oliviero Toscani su Don Milani, "Oliviero e Don Lorenzo": le foto, giunte alla Fondazione per le scienze religiose attraverso il lascito della madre di don Lorenzo, vengono ora esposte per la prima volta insieme al documentario "Lorenzino, don Milani". All'Istituto Storico Parri (9-31 marzo) e alla Chiesa Evangelica Metodista di Bologna e Modena (16 marzo-3 giugno) ecco "Evangelici e Risorgimento", a cura della Fondazione Centro Culturale Valdese di Torre Pellice, e "Protestanti", due nastri con i volti dei fedeli, pastori e sinodi, a cura della Chiesa Evangelica Metodista di Bologna e Modena. Al Museo Civico Archeologico (25 aprile-3 giugno) "Visioni", percorso video su vita, svolte e culture dei cristiani, di Fabio Nardelli, "In prima", le pagine del Corriere e le copertine della Domenica del Corriere per raccontare la cronaca che si fa storia, di Jaja Pasquini, infine "Subito Ansa" con gli scatti simbolo della prima agenzia italiana, di Giulio Anselmi. Alla Posta Bologna Centro (16 marzo-3 giugno) "Ingrandimenti", papa Giovanni XXIII negli scatti di Hank Walker (1921-1996), tra i più importanti fotografi di "Life Magazine". Infine, all'Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna (16 marzo-3 giugno), i "Frammenti", momenti clou della storia dei cristiani in Italia dal repertorio fotografico Treccani.

Poste Italiane abbina alla Mostra due annulli filatelici: il primo dedicato all'inaugurazione, disponibile il 16 marzo (dalle 9 alle 13 alla Posta di Bologna Centro in piazza Minghetti e dalle 16 alle 20 nel Cortile di Palazzo D'Accursio), il secondo dedicato all'apertura della sezione al Museo Civico Archeologico, disponibile il 25 aprile in piazza Minghetti e al museo stesso.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©