Cultura e tempo libero / Letteratura

Commenta Stampa

Un libro per ricordare il pensiero e l'azione del gesuita

16 novembre 1989: Venti anni fa venne trucidato padre Ignacio Ellacuria


16 novembre 1989: Venti anni fa venne trucidato padre Ignacio Ellacuria
12/11/2009, 12:11

Farsi carico della realtà, caricarsi della realtà, patire nella realtà, incaricarsi della realtà.
Questa frase-motto di Ignacio Ellacuría, rettore dell’UCA (Universidad Centroamericana), divenne testimonianza radicale quando la notte del 16 novembre 1989, gli squadroni della morte. lo trucidarono insieme a suoi cinque compagni, tutti professori e suoi diretti collaboratori.
Insieme a loro furono uccise due donne – madre e giovanissima figlia - che lavoravano presso di loro. L’UCA, fondata nel 1966 e affidata ai Gesuiti aveva tra i suoi obiettivi fondativi quello di far conoscere le tragiche condizioni sociali e economiche del Salvador, di educare alla responsabilità per cambiare la realtà secondo lo spirito della giustizia evangelica. L’ateneo era nel mirino del regime dittatoriale e riceveva continue minacce; l’unica arma che opponeva a questi attacchi era quella del pensiero. Per questo gli squadroni della morte colpirono i sei gesuiti alla
testa: la loro lucidità di pensiero faceva paura. Tra il 1980 e il 1992 il Salvador fu attraversato da una feroce guerra civile che causò la morte di 75.000 persone. Le elezioni del 15 marzo 2009 hanno sconfitto questo stato di cose e riaperto una speranza che i gesuiti dell’UCA avevano alimentato fino al sacrificio.
Il libro - oltre a ricostruire la storia di quegli anni in cui, tra gli altri, fu assassinato Oscar
Romero, vescovo del Salvador, ucciso da un cecchino mentre celebrava la messa nel 1980 - esamina il pensiero di padre Ellacuria, considerato l’anima dell’Università, soffermandosi in particolare sui temi da lui elaborati con particolare attenzione e lucidità: la non violenza e la pace, perseguibili solo attraverso il riscatto dei poveri e degli emarginati.
Preziosa la Prefazione firmata da Jon Sobrino, unico gesuita dell’Università sfuggito all’attentato.
Sul sito www.paoline.it, un approfondimento su Ignacio Ellacuria e l’intervista all’autore del libro, realizzata da Rai News 24, insieme ai servizi che ricostruiscono la figura del gesuita.

L'autore
Emanuele Maspoli, laureato in scienze politiche con una tesi su Ellacuría, è operatore culturale e animatore di gruppo in ambito nonviolento, formatore all’educazione alla pace, interculturalità e gestione delle dinamiche di gruppo. Nel 1997 a Venezia, isola di S. Erasmo, ha fondato il centro culturale di vacanza Il lato azzurro. Ha pubblicato il volume La loro terra è rossa.
Esperienze di migranti marocchini (Torino 2004).

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©