Cultura e tempo libero / Tv

Commenta Stampa

Una mania per pochi, all'inizio; ma adesso...

35 anni fa sbarcavano in Italia Goldrake e i manga


35 anni fa sbarcavano in Italia Goldrake e i manga
04/04/2013, 18:16

Era il 4 aprile del 1978 quando la presentatrice Maria Giovanna Elmi annunciava, appena prima delle 18.45, che sarebbe andato in onda il cartone animato "Atlas Ufo Robot", il cartone animato di Goldrake. Era il primo cartone animato giapponese trasmesso in Italia, dopo il successo avuto in Francia. Non il primo in assoluto fatto in Giappone: prima c'erano già stati La Principessa Zaffiro e Mazinga Z (di cui Goldrake riprende uno dei personaggi: Koji Kabuto, rinominato come Alcor, spalla del protagonista Actarus). Una curiosità: tutti i protagonisti del cartone animato hanno i nomi di stelle o altri corpi celesti. 
Il cartone animato fu un successo e c'erano milioni di ragazzini che se lo guardavano. Così anche il 45 giri che fu un vero successo: oltre un milione di dischi venduti e nessun ragazzo che non sapesse cantare: "Mangia libri di cibernetica e insalata di matematica/ e a giocare su Marte va".
Ma fu solo il primo. In breve le Tv private cominciarono a fare a gara ad aquistare i diritti dei vari cartoni animati, sia quelli validi, come Gundam, Jeeg Robot d'acciaio e Mazinga; sia quelli che lo erano molto di meno. Contemporaneamente si diffusero i manga a cominciare da quelli di Go Nagai, autore appunto di Goldrake e uno dei "mostri sacri" dei fumetti giapponesi. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©