Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

A Brusciano successo per il convegno su “Territorio e Sviluppo”


.

A Brusciano successo per il  convegno su “Territorio e Sviluppo”
20/12/2012, 10:42

Lo scorso venerdì pomeriggio, 14 dicembre, presso l’Istituto “Suor M. Cristina Brando” a Brusciano,  è stato svolto con successo il convegno “Territorio e Sviluppo. La ricetta vincente” promosso dal mondo dell’associazionismo e dei movimenti civici con “Fare Nuovo” e “Città Democratica” il cui leader locale è l’avvocato Giosy Romano.

L’incontro pubblico che ha registrato una folta partecipazione popolare è stato moderato dalla giovane professionista, consulente aziendale e fiscale, dott.ssa Cristina Calabrese.

I lavori sono stati aperti dal sociologo Antonio Castaldo il quale ha trattato il tema del patrimonio storico artistico e  demoetnoantropologico ed ha anche colto nel contesto socio-economico momenti di eccellenza e di buone pratiche da intensificare e diffondere suggerendo alcune azioni di marketing territoriale. Il relatore Castaldo ha inteso “cogliere il Genius Loci di Brusciano” ripercorrendo, con dati e testimonianze, frutto di sue ricerche, il millenario cammino della realtà locale, a cominciare dall’epigrafe greco-giudaica del IV secolo dopo Cristo, recante la parola benedicente “Shalom-Pace”, per finire con le problematiche socio-economiche attuali proprie di un territorio lanciato, con luci ed ombre, nell’attraversamento del Terzo Millennio.

A seguire l’intervento dell’esperto di dinamiche del territorio, Luigi Gravagnuolo,  che dopo aver ha avuto parole di apprezzamento e stima per l’iniziativa messa in campo e di sostegno al civico progetto, affermando: Un luogo si riconosce se riesce a riconoscersi in qualcuno che fa coesione, in una leadership che riesce a sollecitare, mettendo insieme le idee per lo sviluppo, altrimenti la comunità si avvita su sé stessa. Condivido l’impostazione di una Città Democratica che è tale perché sa organizzare in maniera strutturata la partecipazione e l’energia propulsiva. Per la buona politica occorre in primis l’onestà, poi competenze, disinteresse personale e passione folle. Giosy Romano sarà portatore di quelle idee di sviluppo che saprà rappresentare in sede regionale, nazionale ed europea”.

Per improvviso impedimento, il Vicepresidente di Confindustria Campania, Andrea Prete, altro assai atteso relatore, non ha potuto partecipare al pubblico incontro.

Il Consigliere Comunale, Giosy Romano, promotore del convegno “Territorio e Sviluppo. La ricetta vincente indicata” che ha lanciato la sua candidatura a Sindaco di Brusciano, ha così aperto il suo intervento: “Tutte le persone perbene abbandonando divisioni ideologiche e rigide appartenenze partitiche, di comune intesa, si sono unite per rendere possibile il cambiamento, per fare di Brusciano un paese normale. Con noi ci sono tanti  giovani come Cristina Calabrese, un folto gruppo di lavoro, e tanti altri cittadini, giovani ed anziani di cui ascoltare bisogni ed esperienze, realtà sociali, culturali, civili e religiose, del mondo del lavoro, delle professioni e della scuola ognuno volendo fare la propria parte in una virtuosa rete di mutua assistenza e di comune crescita nel sostenere la nostra auspicata assunzione di responsabilità alla guida di Brusciano nel segno della trasparenza, della legalità e della normalizzazione”.

L’aspirante Primo Cittadino di Brusciano, Giosy Romano, che una volta eletto intende svolgere questo ruolo “con senso di responsabilità, come si fa per la propria famiglia”, ha accennato sinteticamente ad alcuni punti del suo programma, in via di completamento per la massima partecipazione e la piena condivisione, come di seguito elencato.

Entro i primi 30 giorni dall’elezione a Sindaco realizzare il condono delle tasse pregresse nel rispetto della legge del 1992; Ridurre la tariffa dei rifiuti premiando i comportamenti virtuosi dei cittadini che potranno tradurre presso centri commerciali i buoni da loro guadagnati; realizzare il bilancio partecipato; creare un tavolo permanente delle associazioni; porre attenzione all’area PIP chiedendone il riconoscimento di area industriale; particolare attenzione da dare ai poveri e alle fasce deboli; massima considerazione dell’annosa questione riguardante gli operatori LSU, lavoratori socialmente utili in perenne stato di precarietà; completamento della rete fognante garantendo alti standard sanitari ed ambientalia tutto ilterritorio comunale; grande attenzione da porre sulle scuole; creazione di spazi per i bambini e le famiglie; azioni di integrazione ed inclusione sociale degli anziani in una costruttiva testimonianza di scambio esperienziale a favore dei giovani; istituzione della biblioteca comunale adeguatamente attrezzata anche come internet point e centro multimediale; in alcuni spazi pubblici permettere alle utenze il collegamento wireless, nella gratuita connessione Wi-Fi; apertura di una scuola superiore; rinnovo di Piazza Gramsci con l’eliminazione delle ingombranti ed inefficienti gradinate; eliminare il parcheggio sotterraneo di Piazza XI Settembre; razionalizzazione della macchina comunale, con il riconoscimento del merito e delle competenze, con l’abolizione degli sprechi e l’affermazione della massima efficienza, efficacia, economicità e trasparenza.

Questi alcuni punti trattati dallo stimato ed applaudito avvocato Giosy Romano, Consigliere Comunale di Brusciano, al suo primo mandato, che ora si propone alla guida del paese ed il cui positivo risultato è atteso per la primavera 2013.

Il salone dell’Istituto “S.M.C. Brando” era gremito e molti si sono dovuti sistemare sull’ampio pianerottolo esterno mentre, per il commiato, calorose strette di mano ed espressioni di vicinanza e condivisione sono state portate al promoter di questa importante manifestazione, Giosy Romano.

Nell’ampia partecipazione popolare si coglievano, fra le tante, le presenze di rappresentanti del mondo dell’associazionismo, la Polisportiva Bruscianese, nel suo 62esimo anno di attività di calcio, agonismo e preparazione alla vita di generazioni di ragazzi; la Modern Dance, che con i suoi 25 anni di insegnamento e produzione di teatro danza ha portato a Brusciano trofei nazionali e internazionali, formando giovani ballerini nel panorama europeo; la Federcasalinghe, associazione di donne impegnate sul fronte dell’emancipazione sociale e della diffusione di valori solidaristici; la Pro Loco Brusciano, da 17 anni un stella fissa del firmamento socio-culturale locale; Città Invisibile, che in questi ultimi anni ha dato un nuovo impulso, con eventi e promozioni delle arti, della scrittura creativa, giornalistica e di animazione sociale comunitaria formando una numerosa schiera di giovani operatori culturali per il cambiamento e come ricambio per la classe dirigente locale e nazionale. (A cura di Antonio Castaldo)

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©