Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

A Caserta il convegno “Prevenire la malattia renale, oggi si può”


A Caserta il convegno “Prevenire la malattia renale, oggi si può”
01/03/2012, 09:03

La prevenzione come fattore chiave nella cura delle malattie renali. Sarà questo il tema del convegno intitolato “Prevenire la malattia renale, oggi si può” che si terrà venerdì 2 marzo alle ore 10.00 nell’Aula Magna dell’Azienda Ospedaliera “Sant’Anna e San Sebastiano” di Caserta diretta dal direttore dr. Francesco Bottino.

L’Evento, organizzato dall’UOC Comunicazione e Marketing diretta dal dr. Michele Izzo, in collaborazione con l’UOC Nefrologia diretta dalla d.ssa Ludovica D’Apice, avrà il fine di divulgare la cultura della prevenzione in ambito nefrologico e con particolare riguardo alle malattie renali, illustrando le più recenti innovazioni nella cura di tali patologie e le linee guida del mondo scientifico per una corretta prevenzione.

Il convegno sarà anche l’occasione per presentare la “Giornata Mondiale del Rene” che si terrà a Caserta l’8 marzo con lo scopo di porre l’attenzione della cittadinanza sulle malattie legate all’apparato renale, che per la loro complessa gestione e cura hanno anche un forte impatto sulla qualità della vita dei soggetti che non sono colpiti, soffermandosi in particolare modo sull’importanza del fattore prevenzione al fine di evitare l’insorgenza di tali patologie.

Al convegno, che sarà moderato dal direttore UOC Comunicazione e Marketing dr. Michele Izzo, prenderanno parte in veste di relatori il prof. Vittorio Emanuele Andreucci, vicepresidente della Fondazione Italiana del Rene che illustrerà il ruolo della FIR nella prevenzione delle malattie croniche, la d.ssa Ludovica D’Apice, direttore UOC Nefrologia, che relazionerà sui fattori di rischio della malattia renale cronica, la d.ssa Antonietta Verde, dirigente medico UOC Nefrologia con un intervento dedicato alla prevenzione delle patologie renali.

Al termine dei lavori i relatori saranno a disposizione dei partecipanti per rispondere a domande e chiarire eventuali dubbi sulle malattie nefrologiche.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©