Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

A Città del Gusto di Napoli la prima edizione del Galà del vino


A Città del Gusto di Napoli la prima edizione del Galà del vino
23/09/2010, 10:09

NAPOLI - E’ una grande festa dedicata all’eccellenza del vino regionale quella che si prepara per il prossimo 31 ottobre a Città del Gusto Napoli, quando andrà in scena la prima edizione del Galà del Vino Campano di Gambero Rosso.

Da un’idea di Paolo De Cristofaro e Città del gusto Napoli, l’evento nasce come momento di riflessione e approfondimento sul distretto vitienologico campano, partendo da ciò che nella guida “Vini d’Italia 2011 di” Gambero Rosso viene proposto e raccontato come il meglio della produzione regionale.

Rispetto alle tante iniziative enogastronomiche che mettono insieme interi comparti e territori, la rassegna del 31 ottobre prende a riferimento un segmento trasversale, quello che mostra di poter rispondere alle incognite del mercato di oggi con un lavoro fatto di qualità, personalità, identità stilistica. C’è infatti un filo rosso che unisce in Campania realtà molto diverse per storia, dimensioni, collocazione, numeri, filosofia produttiva: è il filo rosso dell’eccellenza che troverà un suo binario e una sua forte sottolineatura nell’evento.

Come sottolinea Daniele Cernilli, direttore e cofondatore di Gambero Rosso, “la Campania sta ormai trovando una sua collocazione stabile nell’hit parade del vino italiano. Nonostante alcune annate non esaltanti, specialmente per quel che riguarda i bianchi del 2009 (con l’eccezione del greco), il distretto si conferma con delle punte di alto livello, processo molto più difficile del proporsi come novità o outsider. C’è ormai un gruppo di produttori, vecchi e nuovi, piccoli e grandi, molto affidabile, ma l’aspetto più interessante è un altro: la Campania è senza dubbio la regione più “autoctona” tra quelle che hanno fatto il salto di qualità. Salvo pochissime eccezioni, questa crescita straordinaria si è basata e si basa solo sulle numerose e originali varietà locali, senza bisogno di presunti vitigni migliorativi”.

Il programma sarà inaugurato nel pomeriggio da un incontro-presentazione nel quale si confronteranno i principali responsabili editoriali di Gambero Rosso con il mondo della politica e della produzione, senza dimenticare i protagonisti di riferimento nella promozione del vino campano. Sarà un momento di confronto e approfondimento su alcune tematiche che riguardano molto da vicino i problemi e le opportunità emergenti nel distretto produttivo campano.

Il nucleo centrale della manifestazione sarà costituito da un grande banco di assaggio, aperto al pubblico di operatori, giornalisti e appassionati, dove saranno in degustazione le etichette campane che sono state valutate con due bicchieri colorati e tre bicchieri sulla Guida Vini d’Italia 2011. Si tratta di 53 etichette (su un totale di 1.100 campioni testati nelle sessioni di giugno e luglio), in rappresentanza di 40 aziende (su un totale di circa 200 cantine che hanno inviato i propri vini in assaggio).

Parallelamente verrà predisposto un salotto tecnico che ospiterà ogni ora brevi seminari tematici dedicati alle cinque province campane, con il coinvolgimento dei produttori e il racconto delle principali novità emerse in questa tornata di assaggi.

L’evento è aperto al pubblico fino ad esaurimento accrediti e biglietti d’ingresso, acquistabili sul sito di Gambero Rosso (www.gamberorosso.it) oppure presso la segreteria della Città del gusto di Napoli.

Commenta Stampa
di Nando Cirella
Riproduzione riservata ©