Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

A Giorgio Agnisola il Premio La scheda d’oro


A Giorgio Agnisola il Premio La scheda d’oro
18/02/2009, 08:02

Il Premio La scheda d’oro, promosso dalla Biblioteca e Archivio storico Arcivescovile di Capua e giunto alla quarta edizione, sarà assegnato quest’anno a Giorgio Agnisola, critico d’arte e scrittore. Il premio, destinato ad autori che con la loro opera hanno significativamente promosso e valorizzato la cultura soprattutto nel territorio meridionale, nelle passate edizioni è stato attribuito a Valeria Parrella, Francesco Piccolo, Francesco Sisinni.
Agnisola, autore di opere di saggistica letteraria e artistica, collaboratore da un ventennio delle pagine culturali del quotidiano Avvenire, docente di arte sacra presso la Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale, presso cui è altresì condirettore della Scuola di Alta Formazione di Arte e Teologia, ha al suo attivo una lunga attività di critico militante, in Italia e all’estero, in particolare nei Paesi francofoni d’Europa, presso cui ha conseguito importanti riconoscimenti internazionali. In lui si è inteso premiare anche l’intellettuale cattolico e il suo esercizio culturale condotto con sereno, consapevole impegno morale. La scheda d’oro va in particolare ad uno dei suoi ultimi libri, “Viaggio nell’opera”, edito nel 2005 presso Moretti & Vitali, la nota casa editrice psicanalitica di Bergamo, in cui l’autore traccia, con lucidità scientifica e particolare intensità narrativa, ma anche con taglio agile, tra lettura critica e pronuncia letteraria, un percorso di analisi delle opere d’arte, bilanciato tra sguardo emozionale e riflessione psicologica.
La Biblioteca Diocesana di Capua è nata dalla riunificazione dei fondi dell’Archivio e della Biblioteca negli anni '50 ad opera di Mons. Beccarini, incrementata da Mons. Diligenza e giunta al pieno delle sue attività sotto il patrocinio dell’attuale Arcivescovo Mons. Bruno Schettino. È un comitato presieduto da S.E. Mons. Schettino, coadiuvato dal direttore della Biblioteca, prof. Francesco Ciociola, e da un gruppo qualificato di collaboratori dell’istituzione, che di anno in anno sceglie e presenta, dopo attento lavoro di lettura delle opere, il vincitore del premio.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©