Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

A "Giulia non esce la sera" di Giuseppe Piccioni il Premio Casanova


A 'Giulia non esce la sera' di Giuseppe Piccioni il Premio Casanova
10/07/2010, 11:07


GORIZIA - È Giulia non esce la sera di Giuseppe Piccioni ad aggiudicarsi la prima edizione del Premio Cinematografico Giacomo Casanova alla scena più seduttiva del cinema italiano della scorsa stagione cinematografica. Il premio è stato consegnato al regista Giuseppe Piccioni da Gianni Canova che ha letto pubblicamente le motivazioni della scelta. “La sequenza del film di Giuseppe Piccioni Giulia non esce la sera riesce a trasmettere la forza irresistibile del desiderio e la sua capacità di travolgere leggi, norme e doveri consolidati. È bella perché visualizza il conflitto e l'attrito che ogni atto di seduzione porta con sé. La Giuria tecnica - presieduta dal critico cinematografico Gianni Canova e composta dalle giornaliste Natalia Aspesi, Erica Arosio, Paola Jacobbi, dal direttore di MYmovies Giancarlo Zappoli e dal direttore del Premio Amidei alla sceneggiatura Giuseppe Longo, ha scelto la sequenza del film del regista marchigiano, tra le 10 scene in corsa per l’assegnazione del Premio. Durante la premiazione, avvenuta ieri nell’affascinante cornice del Castello di Spessa, situato nel suggestivo Collio di Capriva del Friuli, ai confini con la Slovenia, la scelta della Giuria tecnica è stata messa a confronto con quella “popolare”, interpellata da MYmovies.it che ha premiato Baarìa di Giuseppe Tornatore. Il Premio cinematografico Giacomo Casanova, che è stato ideato da Franco Zanetti, con la direzione artistica del critico cinematografico Gianni Canova, è promosso dall'Associazione culturale Amici di Giacomo Casanova in collaborazione con MYmovies, il sito di cinema più consultato in Italia (oltre 6 milioni di visitatori unici ogni mese). Il Premio Giacomo Casanova viene realizzato con il sostegno di PaliWines, Banca Popolare di Cividale, Regione Friuli Venezia Giulia e Provincia di Gorizia.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©