Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

A Napoli la lirica incontra l'enogastronomia al Museo Diocesano


A Napoli la lirica incontra l'enogastronomia al Museo Diocesano
07/11/2011, 15:11

"Viva Verdi!" e "Viva Artusi!" A Napoli la lirica incontra l'enogastronomia al Museo Diocesano  Domenica 13 novembre (ore 18,00) evento dedicato ai 150 anni dell'Unità:
degustazioni d'autore a cura di Galà Eventi e musica dei Solisti del San Carlo con le voci di Sabrina Messina e Francesco Malapena.

Napoli celebra il musicista Giuseppe Verdi e il gastronomo Pellegrino Artusi in occasione dei 150 anni dell'Unità d'Italia. Così come la musica verdiana, anche la cucina dell'autore de "La Scienza in cucina e l'Arte di mangiar bene" ha dato un contributo al processo unitario nazionale.

"Viva Verdi! - Viva Artusi!" è l'evento organizzato per domenica 13 novembre (inizio alle ore 18,00 con visita al museo) dall'associazione "L'Opera in tasca" al Museo Diocesano di Napoli (Largo Donnaregina, traversa di via Duomo) in collaborazione con Galà Eventi

Protagoniste saranno le arie di Verdi e di Puccini eseguite da "I Solisti del San Carlo" (Mariana Muresanu, violino, Giuseppe Navelli, violino, Filippo Dell'Arciprete, viola, Ilie Ionescu, violoncello) con la partecipazione di Alexandra Brucher al pianoforte, del soprano Sabrina Messina e del tenore Francesco Malapena.

Ad accompagnare la musica lirica ci sarà la cucina di Artusi - di cui quest'anno ricorrono i cento anni dalla morte - interpretata da Paolo Tortora, amministratore di Galà Eventi, società di catering che unisce innovazione e tradizione napoletana. I professionisti di Galà Eventi faranno assaggiare agli ospiti i piatti rappresentativi dell'Unità tra cui la "Coppola di Garibaldi", il budino napoletano e la torta Torino, in omaggio alla prima capitale d'Italia.

Gli eventi enoliricigastronomici, la cui comunicazione visiva è curata da Ogham.it, proseguiranno nei prossimi mesi nelle location di Galà Eventi come il Museo Diocesano di Napoli, il Paradisoblanco di Napoli e Villa Prota a Torre del Greco.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©