Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

A Napoli nascono "Sette pizze per sette Reali"


A Napoli nascono 'Sette pizze per sette Reali'
10/05/2012, 16:05

Napoli- Sette pizze per Sette Reali. Nascono a Napoli nuovi gusti di questa pietanza, in omaggio ai reali europei e in concomitanza con il secondo "Campionato Mondiale del Pizzaiuolo-11° Trofeo Caputo", organizzato dall'Associazione Pizzaiuoli Napoletani, dalla rivista Ristorazione Italiana Magazine, con la supervisione di Enrico Famà, e da Molino Caputo, in qualità di Golden Sponsor, e che si svolgerà a Nola, presso il Vulcano Buono, dal 21 al 23 maggio.

Se la pizza Margherita fu inventata da Gennaro Esposito nel 1889 in occasione della visita a Napoli della Regina Margherita di Savoia, oggi, grazie a Sergio Miccù e all'Associazione Pizzaiuoli Napoletani, alcuni tra i più noti maestri partenopei, hanno deciso di realizzarne delle nuove dedicate ai reali di: Inghilterra, Danimarca, Principato di Monaco, Olanda, Svezia, Belgio e, sebbene senza regno, al pretendente al trono del Regno delle due Sicilie. Con l'augurio che le pizze diventino note e diffuse, se non quanto la margherita, almeno un bel po'.

Così, grazie all'utilizzo dei prodotti Igp e Dop della Campania, i maestri napoletani dedicheranno ciascuno una pizza a una delle teste coronate d'Europa: per l'Inghilterra, alla coppia "William e Kate", della casa di Windsor; per la Danimarca, alla principessa "Mary Isabella" della casa di Oldenburg; per il Principato di Monaco, a "Charlotte" Casiraghi Grimaldi; per l'Olanda, alla regina "Beatrice", della casa Orange Nassau; per la Svezia, alla principessa "Victoria" della Casa Bernadotte; per il Belgio, alla regina "Paola", della Casa Sassonia Coburgo Gotha; per l'Italia, a "Carlo e Camilla di Borbone", del Regno delle Due Sicilie. Un po' perché si gioca in casa, un po' perché i Savoia già ne hanno una dedicata a loro.

La squadra è composta da: Antonio Starita, della Pizzeria Starita, che utilizzerà il limone di Sorrento Igp; Salvatore Di Matteo, della Pizzeria Di Matteo, collegato al Pomodorino del Piennolo del Vesuvio; Enzo Cacialli, della Pizzeria Il Pizzaiuolo del Presidente, utilizzerà le Castagne di Montella; Umberto Fornito, dell'Antica Pizzeria Frattese, la Mozzarella di bufala campana; Enzo Giustiniani, della Pizzeria Capatosta, la Melannurca Campana; Tommaso Palumbo, della Pizzeria San Gennaro, il Pomodoro San Marzano dell'Agro Sarnese-nocerino e Salvatore Vesi, della Pizzeria Vesi, il Provolone del Monaco.

Le nuove pizze potranno essere degustate nelle pizzerie dei maestri pizzaiuoli che prenderanno parte a questo “tributo goloso” e, in occasione del Campionato Mondiale del Pizzaiulo-11°Trofeo Caputo, in una serata di presentazione, con ingresso esclusivamente ad inviti.

In foto, da sx a dx: Enzo Giustinani, Pizzeria Capatosta; Umberto Fornito; Antica Pizzeria Frattese; Salvatore Vesi, Pizzeria Vesi; Antonio Starita, Pizzeria Starita; Salvatore Di Matteo, Pizzeria Di Matteo; Enzo Cacialli, Pizzeria Il Pizzaiuolo del Presidente; Tommaso Palumbo, Pizzeria San Gennaro; Sergio Miccù, Presidente Associazione Pizzaiuoli Napoletani. (Copyright Antonio Calamo).

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©