Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

A Paestum Nicola Piovani racconta i "Viaggi di Ulisse"


A Paestum Nicola Piovani racconta i 'Viaggi di Ulisse'
24/08/2012, 12:53

Avrà un sapore del tutto eccezionale il penultimo appuntamento della XV edizione del Paestum Festival, la kermesse di danza, musica e teatro ideata e diretta da Mario Crasto De Stefano, realizzata dal Comune di Capaccio-Paestum e cofinanziata dall'Unione Europea, dallo Stato Italiano e dalla Regione Campania, nell'ambito del Programma Operativo FESR 2007-2013 Asse 1 Obiettivo Operativo 1.9 La tua Campania cresce in Europa. Con il potere immaginifico della musica, per la prima volta uno dei più fascinosi miti ‘vivrà’ tra le vestigia archeologiche dell’antica Poseidonia creando un quadro spettacolare unico e di sicuro impatto emotivo. Opera del Maestro Nicola Piovani che, a distanza di qualche anno, domani sera, sabato 25 agosto, torna ad esibirsi al Teatro dei Templi presentando i “Viaggi di Ulisse”, concerto mitologico per strumenti e voci registrate scritto e diretto dall’autore Premio Oscar©.

LO SPETTACOLO Un fantastico cammino nella mitologia classica quello creato da Piovani sulle note delle sue composizioni e con l’ausilio dei disegni di Milo Manara, i testi tratti dalle opere di Konstantinos Kavafis, Omero, James Joyce, Torquato Tasso, Pindaro, Umberto Saba, e le voci registrate di Carlo Cecchi, Paila Pavese, Massimo Popolizio, Mariano Rigillo, Virgilio Zernitz, Siobhan McKenna, Chiara Baffi, Massimo Wertmüller.

«’Viaggi di Ulisse’ è un racconto in musica per strumenti che si concertano con voci registrate – spiega il Maestro -  e i temi del racconto sono le emozioni che mi hanno lasciato le letture e l'immaginazione di alcuni viaggi di Ulisse, personaggio vecchio di tre millenni, figura di un fascino e di una meraviglia ancora oggi indecifrabili. Con la musica strumentale, ovviamente, non raccontiamo i fatti che solo la parola può descrivere. Ma la musica può tentare di materializzare la commozione che quei fatti ancor oggi ci suscitano. L’organico comprende il pianoforte, il contrabbasso, il sax, il violoncello, le percussioni, la tastiera elettronica; e voci registrate che recitano versi di poeti, da Omero a Saba, voci che hanno un ruolo fondamentalmente sonoro. Il concerto mitologico punta a ricreare in teatro l'incanto di quelle vicende odissiache che da sempre mi seducono; e spero di condividere quell'incanto col pubblico».

Ad accompagnare Piovani, rigorosamente al pianoforte, l’ensemble Aracoeli: Andrea Avena (contrabbasso), Marina Cesari (sax/clarinetto), Pasquale Filastò (violoncello), Ivan Gambini (percussioni), Luigi Lomabrdi D’Aquino (tastiere).

Lo spettacolo, diviso in due parti, si apre con un suadente Prologo che anticipa il viaggio verso Itaca di Ulisse. A seguire, "L’isola delle Sirene", una melodia dilatata per un pianoforte, a tratti struggente, con la voce di Paila Pavese a interpretare la maga Circe mentre la risposta di Ulisse è nel parlato di Popolizio. Da li, si entra ne "L’isola dei Lotofagi" prima e ne "L’Isola dei Ciclopi" poi. La seconda parte nasce sulle note di Penelope/Molly Bloom: una doppia visione della moglie dell'eroe, ripresa dall'Ulysses di Joyce, e segnata dalle voci contrapposte di Siobhan McKenna (inglese) e Chiara Baffi (dialetto campano). La chiusura, naturale, dei "Viaggi di Ulisse" è ne "Le Colonne d’Ercole", luogo in cui molti narrano della morte dell'odisseo.

L’INCONTRO CON I PROTAGONISTI Prima dello show si terrà il consueto rendez-vous informale tra artisti e pubblico del Paestum Festival: l’Incontro con il Maestro Piovani è previsto alle 19.30 presso la piazzetta della Basilica Cafè nell’Area Archeologica, a pochi passi dal Teatro dei Templi. Ingresso libero.

INFO UTILI L’inizio dello spettacolo è previsto per le ore 21.30. Il costo dei biglietti, disponibili presso le abituali prevendite del Circuito Go2 e al Botteghino del Teatro, è di 17 euro (incluso il diritto di prevendita) per entrambi i settori previsti (poltrona numerata e gradinata). Il Teatro dei Templi è in via Magna Grecia Area Archeologica di Paestum (Salerno) - ingresso Nord.

DOMENICA ULTIMO APPUNTAMENTO DEL FESTIVAL Una traccia per il futuro nel segno dal doveroso ricordo chiude domenica 26 agosto la XV edizione del Paestum Festival. In scena il teatro civile di Giuseppe Ayala in "Chi ha paura muore ogni giorno - I miei anni con Falcone e Borsellino" tratto dall’omonimo libro edito da Mondadori. A vent’anni dal drammatico 1992 - che ha visto la tragica scomparsa dei due magistrati - Ayala racconta la sua verità in un “incontro-spettacolo” che pone l’attenzione sulla Sicilia, su Cosa Nostra, sulla politica e la giustizia italiana di allora come di oggi. In scena, dove campeggia un grande albero di magnolia, simbolo palermitano della lotta alla mafia, accanto a Giuseppe Ayala l'attrice Francesca Ceci. 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©