Cultura e tempo libero / Spettacolo

Commenta Stampa

A «Palco libero al Trianon» Peppe Vessicchio tra gli osservatori


A «Palco libero al Trianon» Peppe Vessicchio tra gli osservatori
10/09/2012, 16:36

 

C’è anche Peppe Vessicchio tra gli addetti ai lavori, in veste di osservatori, che partecipano a Palco libero al Trianon.

Per questa settimana, la programmazione della rassegna musicale del teatro pubblico del centro antico, che dà spazio alle formazioni indipendenti napoletane e campane, prevede due appuntamenti. Mercoledì 12 ci saranno i Factotum, Simone Spirito e Back crawl, con la partecipazione di Maria Cristina Zoppa, giornalista di Wr8, webradio della Rai. Giovedì 13 si esibiranno Antonio Nola, gli Andreasbanda e i Big ben shout; con loro il compositore, arrangiatore e direttore d’orchestra Vessicchio.

Il teatro è climatizzato. Ingresso libero per il pubblico.

Palco libero è organizzato in collaborazione con il Mei - Meeting degli Indipendenti e il suo festival di musica italiana dal vivo per giovani emergenti Supersound di Faenza, al quale parteciperà direttamente il Trianon, la fiera del disco e della musica DiscoDays e il webmagazine specializzato Mayday news di Napoli, con il media partnering di radio Marte.

Informazioni allo 081-225 82 85. Per candidature di partecipazione scrivere a palcolibero@teatrotrianon.org.

 

 

Factotum

La formazione nasce da un percorso mai abbandonato di due amici, uniti nella vita come nella musica, senza mai perdere di vista l’obiettivo di crescere insieme.

Il loro progetto è l’evoluzione naturale della sintonia artistica e umana dei due componenti, Alberto Mele e Massimiliano “Martin” Mauriello, mai fermatisi nella ricerca del modo più onesto, reale e personale per esprimere ciò a cui loro hanno sempre tenuto.

Viene alla luce così Patologie rassicuranti, pubblicato nel 2009 dall’etichetta Laboratori di provincia.

 

Simone Spirito

Sin da piccolo, dall’età di undici anni, manifesta un grandissimo interesse a scrivere canzoni.

Dopo alcune esperienze da attore in teatro e in Rai decide di dedicarsi con maggiore impegno alla scrittura di musica e parole.

Contemporaneamente si affida a Carlo Lomanto, per approfondire l’uso della voce e per ampliare le conoscenze musicali, e ad Armanda Desidery, per il pianoforte.

 

Back crawl

Questo progetto rock nasce qualche anno fa «nella monotonia della provincia, con sacrificio e timore».

Il gruppo è costituito da Dario Ghiggi alla chitarra e voce, Davide Fisciano alla batteria e Federico Nisci al basso, tutti privi di studio della musica: siamo «l’emblema dell’autoformazione sul lavoro (perenne stage non retribuito)».

Nell’ultimo anno hanno lavorato alla realizzazione del loro primo album, scrivendo tutti i testi e le musiche attraverso un «meticoloso e depresso viaggio dentro se stessi».


Antonio Nola

Inizia il proprio percorso artistico nel 1983, tra il rumore delle fabbriche e la polvere della provincia di Napoli, con una sensibilità ai problemi dello sfruttamento del lavoro nero e dell’emarginazione.

Nel 1990 si trasferisce a Treviso, dove frequenta vari corsi di musica, e la sua ricerca si amplia ai temi che riguardano il dialogo, i conflitti tra paesi, l’ambiente e l’animo umano.

Con Antonio Nola, chitarra e voce, suona Carmine Cervone alle percussioni.

 

Andreasbanda

Nato nel 1992, il gruppo si è aggiudicato il premio Recanati (1995) e ha inciso tre dischi a proprio nome: Vedi alla voce banda (1996), D’altro canto (2003) e De pie, cantar (2011).

Ha collaborato, tra gli altri, con Horacio Duran degli Inti Illimani, Roberto De Simone ed Eugenio Bennato.

La formazione vede Andrea Campese alla voce e chitarra, Carlo di Gennaro alla batteria, Francopaolo Perreca ai fiati, Lorenzo Campese alle tastiere e voce, Roberto Giangrande al basso e Marco de Simone alla chitarra elettrica.

 Big ben shout

Questo progetto “alternative rock” nasce nel febbraio dello scorso anno da un’idea del chitarrista Gianluca Balzamo e del bassista Gabriele Capuano, ai quali si associa poi il cantante Robin Kevin Daniel, proveniente dal mondo della musica “nera” contemporanea. Nell’agosto dell’anno scorso registrano la loro prima demo, Adrenaline, nella quale l’irriverente vocalità del cantante è accompagnata da riff incalzanti e tempi aggressivi. Dallo scorso mese di gennaio si unisce al gruppo il batterista Francesco Borrelli. Dopo l’uscita dell’e-demo virtuale, è prossima la pubblicazione del primo ep.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©