Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

A RIOLO TERME RIVIVE LO SPIRITO CELTICO DI HALLOWEEN


A RIOLO TERME RIVIVE LO SPIRITO CELTICO DI HALLOWEEN
25/09/2008, 16:09

Anche in Italia, seguendo le tradizioni del mondo anglosassone, in questi ultimi anni si festeggia Halloween come una sorta di “carnevale” fuori stagione, al motto “dolcetto o scherzetto!”.

Sulle colline del comprensorio turistico delle Terre di Faenza, e precisamente nella cittadina di Riolo Terme (Ra), questo evento, invece, ripropone i riti, le maschere, il mangiare rituale, i fuochi e la cultura della Romagna di un tempo molto antico. In questa zona, infatti, secondo la cultura celtica che qui era presente, il passaggio dal mese di ottobre a quello di novembre era considerato il Capodanno. Si credeva che le porte del mondo dei morti si aprissero e i morti tornassero sulla terra per "rimettere tutto a posto" dopo la conclusione del ciclo produttivo agricolo e preparassero così il successivo.
 
Per far rivivere questa antica e affascinante realtà a Riolo Terme, grazie alla Pro Loco locale e all’Amministrazione Comunale, sono in programma due eventi assolutamente unici e caratteristici: la cena celtica all’interno della sala S. Giovanni (in programma sabato 25 ottobre) e la sedicesima edizione della Notte di Halloween - Samhain Capodanno celtico (in programma, ovviamente, il 31 ottobre).
 
Elaborato dopo un’attenta serie di studi e di ricerche, il menù della Cena celtica rappresenta una rivisitazione (al giorno d’oggi sarebbe impensabile mangiare alcune pietanze dell’epoca) di alcuni piatti rituali della tradizione romagnola al tempo dei celti. In un contesto di sicuro impatto e fascino, all'interno della sala S. Giovanni, nelle vicinanze dell’imponente Rocca che rappresenta il cuore di Riolo Terme, sarà così possibile degustare alcune originali pietanze come la torta di erbe e fonduta con “crosti cacio” allo scalogno, la crema di zucca con “catalogna e amandole” o le costolette di capriolo al vino rosso con “peverada”.
Ad allietare la serata prenderanno vita anche spettacoli e musiche dal vivo della tradizione celtica.
 
 
 “…si credeva che durante la notte della vigilia, il 31 ottobre, i morti oltrepassassero le porte dell’altra dimensione e tornassero a camminare con i vivi e che anche altri esseri, benefici o maligni, potessero rendersi visibili sulla terra…”. È la notte di Halloween, è la festa di Samhain, festa che suggella la fine dell’anno nuovo ed è dunque simbolo di morte e rinascita contemporaneamente. Il “capodanno celtico” era, infatti, un giorno al di fuori del tempo e dello spazio, tanto da permettere agli avi ormai defunti, agli uomini viventi e ai discendenti che dovevano ancora nascere di incontrarsi, oltre alle creature non-umane di mostrarsi al mondo.
La Notte di Halloween di Riolo Terme, una delle prime grandi feste in Italia dedicate a questo evento, è giunta alla 16a edizione e ha in programma molti appuntamenti che non mancheranno di coinvolgere i partecipanti, tra rievocazioni storiche e spettacoli, tra musiche e fuochi pirotecnici. Il tutto dal tramonto fino all’alba.
Si parte alle ore 18. Il centro storico e le vie più caratteristiche di Riolo Terme si trasformeranno in un villaggio celtico, tra giochi, balli, accensione di sacri fuochi e riti officiati dai druidi, scene di vita quotidiana. Si apriranno anche il mercato con prodotti della campagna e di altri generi rigorosamente legati al tema celtico e i punti di ristoro dove sarà possibile degustare ricercate pietanze. Alle ore 20 incominceranno gli spettacoli tra giocolerie di fuoco, suggestive battaglie e sfide di cavalieri d’armi. Cortei di figuranti (mostri, grandi maghi, streghe) coinvolgeranno il pubblico che diventerà parte integrante e attiva della festa.
Alle 22 andrà in scena lo scontro finale tra i cavalieri del Bene e le forze del Male, con il rogo finale dell’enorme demone e l’esplosione dalla centrale Rocca del paese di fuochi artificiali che illumineranno il cielo di variopinti colori. E poi ancora balli, canti e festa.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©