Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

A scuola di sicurezza con la Škoda


A scuola di sicurezza con la Škoda
31/03/2011, 19:03

BiciScuola coinvolgerà ben 4.210 classi delle scuole primarie di tutta Italia, per un totale di circa 105.000 studenti. Tre i temi principali per l’edizione 2011: educazione stradale, educazione alimentare ed educazione ambientale. A tutte le classi iscritte sarà consegnato uno speciale kit didattico, da utilizzare per lo svolgimento dei lavori: gli alunni dovranno infatti sviluppare dei progetti legati agli argomenti proposti. Gli elaborati verranno giudicati da un’apposita commissione e le classi vincitrici saranno premiate in occasione di ciascuna delle tappe della Corsa Rosa.
La Škoda si farà portavoce di due valori fondamentali e di grande attualità: la sicurezza stradale e il rispetto per l’ambiente, concetti imprescindibili per il Marchio della Freccia Alata già a partire dalle fasi di sviluppo e progettazione delle proprie vetture.
Grazie al “Quizzone stradale” promosso dalla Casa automobilistica ceca, gli alunni potranno imparare le principali regole della strada in modo divertente e innovativo e saranno sensibilizzati sull’importanza dell’educazione stradale, un concetto fondamentale sia per chi si muove sulle due ruote, sia per chi si mette al volante.
Un altro tema di notevole interesse è quello legato all’ecologia e al rispetto per l’ambiente. Gli studenti riceveranno alcuni consigli su come abbattere i consumi utilizzando l’auto in modo intelligente. La Škoda è da tempo sensibile al tema della tutela ambientale e si impegna costantemente per realizzare vetture sempre più ecocompatibili: una testimonianza in questo senso arriva dalle versioni GreenLine, disponibili per tutti i modelli della gamma e caratterizzate da consumi contenuti ed emissioni ridotte.
Grazie alla partnership con BiciScuola, la Casa automobilistica riafferma il proprio legame con il mondo del ciclismo: una storia che ha radici profonde e coincide con le origini della Škoda. Nel 1895, infatti, Vaclav Laurin e Vaclav Klement fondarono una fabbrica per la produzione e la riparazione di biciclette, che in seguito a successive evoluzioni fu destinata all’assemblaggio delle vetture con il Marchio della Freccia Alata. Ai giorni nostri, la storia continua grazie all’impegno della Marca, in qualità di Sponsor e Auto Ufficiale, a fianco del Giro d’Italia e della Federazione Ciclistica Italiana (FCI).

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©