Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

A Sorrento gli “Incontri con la cultura giapponese”, all'insegna della solidarietà


A Sorrento gli “Incontri con la cultura giapponese”, all'insegna della solidarietà
23/03/2011, 10:03

Sono dedicati alle migliaia di vittime della catastrofe che si è abbattuta sul Giappone, gli “Incontri con la cultura giapponese”, in programma il 26 e il 27 marzo a Sorrento.
Musica, danza, arti figurative, mostre e performance, nel programma di questa terza edizione della rassegna, che per il 2011 muta l'originaria denominazione di Japan Festival, in ossequio alle decine di migliaia di persone scomparse in seguito ai tragici fatti che, in queste ore, tengono ancora con il fiato sospeso l'intera comunità internazionale.
Sono oltre cento gli artisti che giungeranno nella città del Tasso, provenienti da Tokyo, Nagano, Kyoto, Aichi, Shiga, Ehime, Kochi e Saga.
Si parte sabato, alle ore 12, con l'inaugurazione delle esposizioni ospitate a Villa Fiorentino: nachiguroishi - opere realizzate in pietra nera della città sacra di Kumano, gemellata dal 2001 con Sorrento -, foto, poster, uno spazio dedicato allo shodo, la famosa arte calligrafica giapponese, un altro all'arte tradizionale e prodotti della provincia di Kochi. E, ancora, il filmato dal titolo "Le 4 stagioni del Giappone", testimonianze di arte creativa giapponese e di artigianato artistico e le opere pittoriche di Ludovico della Rocca dal titolo "Armonie Giapponesi". Il giorno seguente, le mostre saranno visitabili dalle ore 10 alle ore 17.
Sempre il 26 marzo, alle ore 20 e trenta, al teatro Tasso, l'esibizione di percussionisti giapponesi con i loro tamburi wadaiko, danze tradizionali, musica, ma anche performance di arte calligrafica e una dimostrazione di battojutsu, particolare arte marziale con l'uso della spada. Replica la domenica, a partire dalle ore 17 e trenta.
Nel corso della due giorni, dalle ore 15 e trenta, workshop e incontri, con svolgimento in piazza Torquato Tasso.
Domenica, alle ore 10, presso la Basilica di Sant'Antonino, si terrà invece la celebrazione della Santa Messa per le vittime dell'11 marzo.
"Quest'anno vogliamo esprimere la nostra solidarietà al popolo giapponese impegnato nella sfida più difficile dal dopoguerra - spiega il sindaco Giuseppe Cuomo – Ed è ancora più emozionante per noi, cogliere che è proprio qui che questi artisti hanno voluto rinnovare, con le loro interpretazioni, il segreto della magia di questo territorio, da sempre prescelto come sito di permanenza, di ispirazione e di lavoro artistico. Un logo creato appositamente per l'occasione sarà esposto sotto forma di volantini e vetrofanie in esercizi, luoghi pubblici e sedi istituzionali. Abbiamo inoltre aderito all'evento di solidarietà Coraggio Giappone organizzato dalla Fondazione Italia Giappone e da Roma Capitale, con lo scopo di raccogliere fondi a favore della Croce Rossa giapponese".
Per partecipare, si può versare un contributo sul conto corrente bancario intestato al Comune di Sorrento codice Iban IT70K0623040260000056706747.
E' anche possibile donare 2 euro per ogni sms o chiamata fissa al numero unico 45500 della Croce Rossa Italiana.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©