Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Il riconoscimento al presidente dell'Era della Stella Polare

A Vincenzo Scancamarra il 1° Premio internazionale "Guardiani di Pace nel Mondo


A Vincenzo Scancamarra il 1° Premio internazionale 'Guardiani di Pace nel Mondo
29/05/2012, 18:05

E' stato il presidente dell’Associazione “L’Era della Stella Polare”, Vincenzo Scancamarra, sabato scorso, nella splendida cittadina di Vico Equense, a ricevere il 1° Premio internazionale "Guardiani di Pace nel Mondo". Un riconoscimento davvero particolare tra i 30.000 Cavalieri di Malta presenti nel mondo, che ha visto consacrare con il prestigioso conferimento l’inarrestabile Tenente Colonnello Scancamarra quale  militare particolarmente distintosi in opere meritorie e caritatevoli-umanitarie. A portare il popolare presidente dell'Era della Stella Polare, al particolare successo, l’attività del sodalizio da lui presieduto indicato come esempio, innanzi ad Autorità civili e militari comprese quelle della NATO, anche per altri progetti  da realizzare da parte del  Gran Cancelliere Cavalier di Gran Croce,  Prof. Giorgio Cegna. Particolarmente apprezzato è stato il riferimento dello statuto dell’Associazione ai principi evidenziati da Francesco Compagna con la rivista Nord e Sud del 1954. Presente il Gran Cancelliere della Confederazione, Giorgio Cegna e il Sindaco di Vico Equense, Gennaro Cinque la cerimonia di premiazione si è  inserita nel contesto delle attività della Confederazione Internazionale dei Cavalieri Crociati, un’Associazione, nata il 30 settembre 1992, apolitica e apartitica, i cui scopi sono rivolti a diffondere una cultura di pace, di solidarietà e di fratellanza tra i popoli. La Confederazione, da sempre, promuove iniziative culturali e sociali, destinate a tutelare le fasce deboli della popolazione, bambini, ammalati, anziani e indigenti. La difesa dei diritti dell’uomo e la protezione della personalità umana sono tra gli scopi più alti che la Confederazione intende perseguire, con particolare riguardo ai giovani e alla promozione dei loro talenti. Tra gli obiettivi della Confederazione quello  di riunire Cavalieri e Dame di diversi Ordini Cavallereschi, affinchè diventino “Guardiani di pace”, quindi, testimoni nella società dello spirito della “Cultura di pace”. Nel perseguire tali finalità la Confederazione si avvale di prestigiose e importanti forme di collaborazione con Istituzioni nazionali e internazionali. “I Cavalieri – ha affermato il Sindaco di Vico Equense, Gennaro Cinque – attraverso la loro prestigiosa presenza in Città, hanno inteso testimoniare lo spirito della cultura di pace, della solidarietà e della fratellanza tra i popoli”.

 

 

 

Commenta Stampa
di Giuseppe Giorgio
Riproduzione riservata ©