Cultura e tempo libero / Mostre

Commenta Stampa

a Vittorio Veneto comodamente 2011: "Fedeltà si, o Fedeltà no?"


a Vittorio Veneto comodamente 2011: 'Fedeltà si, o Fedeltà no?'
28/07/2011, 15:07

Il 2.3.4 settembre a Vittorio Veneto si rinnova l'appuntamento con Comodamente, giunto alla V edizione. Comodamente è un contenitore di idee, un festival che mette insieme il meglio della cultura contemporanea - senza le noie del sapere accademico - per diffondere informazione, filosofia, musica, scienza, libri e storia tra la gente. È una modalità libera e gratuita di condividere i temi su cui si sta costruendo il nostro futuro, buttando lo sguardo ovunque e oltre l'ostacolo, a partire da una parola chiave.
È una festa della cultura liquida in cui dialoghi, sessioni letterarie, eventi musicali, dibattiti si alternano a piacevoli occasioni conviviali, realizzati nel centro storico e negli ambiti dismessi della città ri-allestiti per l'occasione. Va così in scena un confronto serrato e trasversale tra pubblico e intellettuali, scrittori, scienziati, giornalisti, docenti universitari, artisti, imprenditori e politici sui temi della contemporaneità, del recente passato e del futuro sempre più prossimo, per poter offrire strumenti di comprensione della realtà ed invitare la gente ad esprimersi, confrontarsi, prendere posizione.
Saranno così tre giorni di parole, storie, immagini, pensieri, suoni e sapori per confrontarsi sui temi della contemporaneità con i protagonisti e gli interpreti più attenti dei nostri giorni.
La parola chiave di questa edizione sarà la fedeltà, un concetto che rappresenta un'attitudine, una qualità, una sicurezza, ma anche un disvalore quando assume il volto dell'ottuso attaccamento a una posizione, dell'incapacità di stare al passo coi tempi. Proprio per il fatto di prestarsi a letture defferenti e contrastanti, la fedeltà sarà il filtro ideale per interpretare i fatti della storia e della politica, l'orientamento della nostra identità, le arti e il nuovo pensiero che avanza. La fedeltà sarà anche una lente con cui vedere i processi che hanno costruito la nostra identità e la nostra storia, ma anche quelli che concorrono a formare il nostro futuro, come la sfida europea e l'italianità.
A confrontarsi trasversalmente, sono attesi - solo per citare alcuni nomi - Antonia Arslan, Gherardo Colombo, Furio Honsell, Gianluca Nicoletti, Achille Bonito Oliva, Khaled Fouad Allam, Marco Panara, Edoardo Pittalis, Stefano Bolignini, Aldo Cibic, Franco Zagari, Pippo Ciorra, Stefano Moriggi, Vitaliano Trevisan, Arrigo Cipriani, Giovanni Fasanella, David Riondino,
Dario Di Vico e molti altri ancora (l'aggiornamento in tempo reale delle conferme è visibile nel sito www.comodamente.it).
Comodamente è un evento ideato dal Centro Studi Usine e promosso da cITTà DI Vittorio Veneto e Fondazione Frabcesco. Il festival è inserito nei network RetEventi della Provincia di Treviso ed è tra i grandi eventi che supportano la candidatura del Nordest a Capitale Europea della Cultura 2019.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©