Cultura e tempo libero / Mostre

Commenta Stampa

All'Accademia Belle arti di Napoli i lavori degli studenti

Accademia Belle Arti di Napoli: Mostra commemorativa del Futurismo


.

Accademia Belle Arti di Napoli: Mostra commemorativa del Futurismo
08/07/2009, 16:07

Cento anni fa nasceva ufficialmente il futurismo, movimento artistico dalle molteplici diramazioni e sfaccettature che, dall'Italia, si è diffuso ben presto in tutto il mondo. Consacrato dal "Manifesto del Futurismo" dell'eclettico Marinetti proprio nel 1909, questa corrente artistica che investì, rigenerandoli, un po' tutti i settori dell'umana creatività (dalla letteratura, alla musica, alla pittura, alla scultura, all'architettura e persino alla gastronomia) viene ricordata, omaggiata e, per molti versi, rielaborata all'Accademia di Belle Arti di Napoli.
Un progetto che nasce proprio dal gemellaggio tra l'Accademia partenopea e la Facoltà di Belle Arti dell'Università di Barcellona e che propone, tra  lavori degli studenti e  contributi dei docenti, 55 opere in tutto. La mostra, innaugurata il 30 giugno nel giardino dell'Accademia di Belle Arti in Via Costantinopoli e aperta fino al 15 di luglio, può essere visitata dal lunedì al venerdì (10:30-13:30/15:00-18:00) e il sabato dalle ore 10:30 alle 13:00. Un'importante testimonianza di quello che può definirsi uno scambio "Inter-artistico" tra studenti, docenti e atenei di paesi diversi.
Un'occasione di arricchimento reciproco sia per gli studenti che hanno esposto le loro opere che per chi si troverà a visitare le teche allestite per ospitare i lavori dei giovani creativi: medaglie realizzate in gesso e in bronzo raffiguranti  modelli di stampo futurista e opere che, pur conservando l'anima avanguardista del movimento artistico nato in Italia, non si fermano ad una rivisitazione ma tentano un approccio nuovo, dinamico, innovativo; nel pieno spirito, appunto, della corrente che vogliono celebrare.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©