Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

ACI Napoli: VI edizione della campagna di sicurezza stradale

'A Maronna t’accumpagna...ma chi guida sei tu!,

ACI Napoli: VI edizione della campagna di sicurezza stradale
15/01/2019, 15:59

Parte la sesta edizione della campagna biennale di sicurezza stradale, ‘A Maronna t’accumpagna...ma chi guida sei tu!, realizzata dall’Automobile Club e dalla Diocesi di Napoli per sensibilizzare i giovani e le rispettive famiglie sul grave fenomeno degli incidenti e delle loro conseguenze. Secondo le ultime statistiche ACI-Istat nella provincia di Napoli sono in aumento sia i sinistri (+2,4%) che le vittime della strada (+4,4%). A rischio sono soprattutto gli utenti della strada meno esperti: un morto su quattro ha, infatti, un'età inferiore a 30 anni. Sotto accusa sono, in particolare, l'alta velocità e la distrazione dovuta, principalmente, all'uso dello smartphone durante la guida.

 

L’iniziativa è rivolta ai ragazzi delle parrocchie e degli istituti scolastici della Diocesi di Napoli. Sono previsti incontri, con gli esperti dell'ACI, sui principali fattori di rischio degli incidenti e su come prevenirli,  nonché un concorso di idee sul tema “Sicurezza stradale: i tuoi suggerimenti per ridurre gli incidenti e le loro conseguenze”. Per parteciparvi, basta realizzare, in gruppo o individualmente, un elaborato scritto (tema, poesia, racconto ecc.),  grafico (disegni, manifesti, collage ecc.) o multimediale (foto, video, canzoni ecc.) ed inviarlo alla sede dell'Automobile Club Napoli (piazzale Tecchio, 49/d) entro il prossimo 30 marzo.  L’obiettivo è quello di sollecitare i giovani a rappresentare situazioni e comportamenti pericolosi, e/o le corrispondenti condotte di guida corrette e sicure da valorizzare e promuovere, utilizzando le forme espressive da loro ritenute più idonee allo scopo.

 

In palio, le console di giochi PS4 Pro e Xbox One X, tablet, drone, hoverboard, action cam e diffusori bluetooth gentilmente offerti da Euronics-Gruppo Tufano Cafarelli.

 

I vincitori del concorso saranno premiati nell’ambito di una cerimonia pubblica, presso il Palazzo Arcivescovile di Napoli, con la partecipazione di prestigiosi ed autorevoli testimonial, nel corso della quale saranno consegnate targhe di benemerenza a tutte le parrocchie e gli istituti scolastici della Diocesi che hanno partecipato all’iniziativa. Ulteriori riconoscimenti saranno previsti per gli appartenenti alle forze dell’ordine che si sono particolarmente adoperati a favore della mobilità e della legalità.

 

“L'incidentalità stradale, spiega il Presidente dell'Automobile Club Napoli, AntonioCoppola, continua ad essere un flagello che miete ancora troppe vite. Motivo questo che deve convincerci, tutti, a non rassegnarci e a proseguire nella lotta per l'affermazione di una mobilità sicura e responsabile. E' questo lo scopo della campagna di sensibilizzazione dell'ACI e della Diocesi di Napoli: realizzare un circolo virtuoso parrocchie-scuole-ragazzi-famiglie per una maggiore consapevolezza su un fenomeno di grande rilevanza sociale che rappresenta la prima causa di mortalità per i giovanissimi, nonché un pesante fardello, in termini di costi sociali, per la collettività”. 

 

“Morire sulla strada a causa di un sinistro non è naturale, dichiara il Cardinale Crescenzio Sepe. E non lo è nemmeno mettersi alla prova, nel traffico, a bordo di un veicolo, esibendo abilità di guida spregiudicate e pericolose per sé e per gli altri.  Non è così che si dimostra al mondo di essere in gamba e di meritarsi l'ammirazione e la stima degli altri. Molte volte, purtroppo, i cattivi esempi provengono dai più grandi, e per questo bisogna imparare, sin da piccoli, ciò che è giusto o sbagliato fare sulla strada, per evitare di seguire modelli di comportamento nocivi. L'obiettivo di questa campagna, perciò, è quello di porre al centro dell'attenzione la sacralità della vita ed il valore della persona umana, per contribuire alla formazione di utenti della strada coscienziosi, rispettosi delle regole e sempre pronti a prevenire e schivare situazioni di pericolo”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©