Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

ADAM BEYER @ ARENILE WINTER IL 7 DICEMBRE


ADAM BEYER @ ARENILE WINTER IL 7 DICEMBRE
06/12/2008, 10:12

 

Il 7 dicembre a Napoli sarà la notte di Adam Beyer. Il gruppo Orbeat, che già aveva portato in città Sven Vath, inaugurerà così in grande stile l’Arenile Winter di Bagnoli, con un maxi concerto del numero uno della techno svedese, già esponente di un sound che ha scosso il mondo fin dalla metà degli anni Novanta.
Adam Beyer ha iniziato infatti giovanissimo ad avvicinarsi al mondo della musica e, dopo una breve passione per la batteria, è passato ai piatti. Sicuramente Drumcodes 1 (Planet Rhythm 1995) è stata la prima traccia che ha definito il suo stile duro, orientato sulle percussioni e loop. Questo singolo di Beyer è stato poi seguito dal suo album di debutto molto apprezzato dalla critica: Decoded (Planet Rhythm 1996). Le sue produzioni hanno portato presto Beyer all’attenzione dei DJ di tutto il mondo e i bookings sono arrivati di conseguenza. Segna con precisione il suono di Stoccolma collegandosi ai suoi amici: Joel mull e Cari Lekebusch, dopo molte uscite e remix sulle varie etichette lancia il secondo album Protechtion (Drumcode 1999), mentre il mercato era saturo di techno loop oriented Beyer lavora agli arrangiamenti che hanno caratterizzato i suoi primi lavori, con aggiunta di strings melodici. Lo stile privo di compromessi di Adam Beyer lo ha portato nell’arena mondiale della techno, produce continuamente nuove tracce e suona nei club di tutto il mondo, malgrado la sua giovane età, Adam Beyer è diventato una delle figure principali per gli amanti della techno.
Ad affiancarlo in questa one-night napoletana ci saranno due straordinari talenti italiani.
Fabrizio Maurizi inizia la sua carriera nella scena illegal bolognese, fino a diventare il Dj Resident dell’Echo. Da sempre attratto dalla techno napoletana, e da tutto ciò che questo movimento è riuscito a contaminare, dopo aver visto suonare per la prima volta Richie Hawtin si è mosso inevitabilemente verso un sound più minimale. Da qui i primi lavori, supportati da software e da dieci anni di pianoforte. completamente preso da bassline dalle frequenze bassissime, le sue produzioni esplorano il lato oscuro e funky della techno, impreziosite da campioni vocali particolarissimi che rendono ciascun pezzo dal sapore unico. Dopo il suo primo successo mondiale "Hasta la baldoria siempre" rilasciato dalla sua label memento, seguito da "ok, switch on", pubblicato su Minus. Entrato a far parte della scuderia Minus guidata da Richie Hawtin, il suo sound è di sicura impronta techno, variando nelle sue molteplici sfaccettature, senza dimenticare però il calore delle atmosfere deep.
Rino Cerrone, napoletano classe 1972, risulta oggi una delle stelle principali della scena partenopea. Dal 1999 al 2003 Rilis, la sua etichetta discografica, ha prodotto 10 uscite di enorme prestigio, che hanno presto fatto guadagnare a questa etichetta nostrana il titolo di “cult label”, con ristampe multiple ed enormi vendite. Nel 2004 nasce il progetto Special Edition, in cui Rino raccoglie e propone ricercatissime tracce minimal techno nel suo inconfondibile stile. Nel 2005 il nuovo progetto Rilis RMX su cui artisti internazionali remixano le hit uscite su Rilis negli ultimi 7 anni. Rino Cerrone si esibisce dal 2000 nei migliori club e festval mondiali. Ha partecipato come ospite ad eventi come: I Love Techno, Innercity, Awakenings. Dal Giappone al Sud America, la sua schedule è sempre ricca di date. Il suo stile dark-funk ed i suoi eccellenti DJ set a tre piatti, incredibilmente d’impatto ed eleganti gli fanno guadagnare consensi a livello europeo e mondiale.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©