Cultura e tempo libero / Musica

Commenta Stampa

Aveva 69 anni, un ictus l'aveva colpito una settimana fa

Addio a Clemons, sassofonista del "boss" Springsteen


Addio a Clemons, sassofonista del 'boss' Springsteen
19/06/2011, 18:06

ROMA - Clarence Clemons, il 69enne sassofonista della E Street Band di Bruce Springsteen è morto la notte scorsa dopo che un ictus lo aveva colpito una settimana fa nella sua casa di Singer Island, in Florida. 

«Siamo onorati e riconoscenti di averlo conosciuto e di avere avuto l'opportunità di stare accanto a lui per circa 40 anni - scrive Springsteen sul suo sito - Era il mio grande amico, il mio partner e con Clarence accanto a me, la mia band ed io siamo stati capaci di raccontare una storia ben più profonda di quella contenuta nella nostra musica. La sua vita, la sua memoria, il suo amore sarà sempre presente in quella storia e nella nostra band». 

Clemons, per tutti Big Man, aveva problemi di salute da diversi anni. L'anno scorso aveva anche subito un serio intervento alla spina dorsale. All'inizio del 2009, per il SuperBowl, aveva suonato su una sedia a rotelle dopo un doppio intervento alle rotule. Dei suoi problemi di salute lo stesso Clemons aveva parlato in una intervista del 2010: «Viste tutte le operazioni che ho subito - aveva scherzato - non rimane molto spazio libero. Sono totalmente bionico».

Quest'anno il sassofonista sembrava stare meglio e aveva suonato per Lady Gaga in occasione dell'episodio finale di American Idol (ben due brani del nuovo album Born This Way). Da pochi giorni il videoclip di The Egde of Glory è disponibile sul web. Big Man aveva suonato con tutti o quasi. Dai Grateful Dead alla All Star Band di Ringo Starr, passando per Aretha Franklin, Roy Orbison e Jackson Browne. Clemons aveva anche una band tutta sua: The Temple of Soul. È il secondo musicista della E Street Band a scomparire, dopo il tastierista Danny Federici, morto nel 2008 a causa di un tumore.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©