Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

Al centro-sud sempre più supermercati e grandi magazzini

Addio bottega di quartiere. Meglio le grandi catene


Addio bottega di quartiere. Meglio le grandi catene
09/09/2011, 12:09

ROMA - Sempre più supermercati e grandi magazzini nel nostro Paese e sempre più al centro – sud. Mentre i famosi negozi di quartiere lottano per la propria sopravvivenza, nelle regioni centrali e meridionali si sta registrando un forte boom di media e grande distribuzione con grandi catene di magazzini. A farla da padrone nel nostro Paese sono il settore di informatica e telecomunicazione, che segnano un aumento del 2,8%; in sofferenza, al contrario, il comparto mobili e arredamento per la casa, i cui esercizi si sono ridotti dell’1,1% a livello nazionale, dell’1,8% al sud.
Questi dati emergono dal “Rapporto sulle economie territoriali e il terziario di mercato” realizzato dalla Confcommercio. Con uno stock complessivo di quasi 758 mila unità i piccoli esercizi al dettaglio risultano a fine 2010 in modesta crescita (+0,4%) rispetto al 2009 con una maggiore “proliferazione”, in particolare, nelle regioni centrali (+1,1%) rispetto al Mezzogiorno dove aumentano appena dello 0,1%; il Lazio è la regione con il maggior incremento (+2%), mentre in Sardegna si registra il calo più sensibile (-1,4%). Passando alle medie e grandi superfici, dai supermercati agli ipermercati, dai grandi magazzini alle grandi superfici specializzate, è, invece, il Centro-Sud a registrare nel 2010 il maggior sviluppo di questa formula distributiva, con un incremento complessivo di 341 punti vendita (66% del totale). In totale a fine 2010 si contano 18.972 punti vendita della media e grande distribuzione, in crescita di 513 mila unità rispetto ai 18.459 punti del 2009 (+2,7%).

Commenta Stampa
di AnFo
Riproduzione riservata ©