Cultura e tempo libero / Teatro

Commenta Stampa

Affidata a due premi oscar la chiusura del Napoli Teatro Festival Italia 2011


Affidata a due premi oscar la chiusura del Napoli Teatro Festival Italia 2011
11/10/2011, 11:10

E’ affidata a due premi Oscar, Kevin Spacey (da ieri a Napoli) e Sam Mendes la chiusura della quarta edizione del Napoli Teatro Festival Italia con uno spettacolo di grande rilievo internazionale: Riccardo III di William Shakespeare, annunciato sin da giugno dal direttore artistico Luca De Fusco come “spettacolo a sorpresa”. Riccardo III andrà in scena al Teatro Politeama venerdì 14 ottobre (ore 20,30) con repliche sabato 15 ottobre (ore 15 e 20,30).

Spacey e Mendes avevano già lavorato insieme per il cinema dodici anni fa in American Beauty, per cui Spacey aveva vinto l’Oscar come miglior attore, Mendes come miglior regista, il film come miglior film.

Guidata da Kevin Spacey nel ruolo di Riccardo III, la compagnia è costituita da un cast formidabile inglese/americano che comprende Gemma Jones volto noto del grande cinema basti dire che è stata interprete del film di Woody Allen Incontrerai l’uomo dei tuoi sogni, ma anche di uno degli episodi di Harry Potter e dei due Bridge Jones. In Riccardo III sarà la Regina Margherita. Al suo fianco altri grandi nomi del teatro internazionale: Maureen Andermann nei panni della Duchessa di York, Haydn Gwynn in quelli della regina Elisabetta, Chuk Iwuji in quelli del Duca di Buckingham, e Chandler Williams George il Duca di Clarence.

Lo spettacolo rientra nel The Bridge Project un progetto che l’Old Vic insieme con BAM (Brooklyn Academy Music), totalmente sostenuti da Bank American Merril Lynch, sta portando in giro per il mondo presentando una compagnia composta soltanto da attori inglesi e americani. I

Il Riccardo III ha debuttato a Londra lo scorso 29 giugno ed è stato apprezzato dalla maggior parte dei critici internazionali, che hanno lodato l’interpretazione di Spacey, attualmente considerato uno dei più importanti attori della scena internazionale, e l’ambientazione contemporanea della storia di re Riccardo III di York, voluta da Mendes.Commentando l’ultima stagione Sam Mendes dichiara: “Dopo American Beauty sono assolutamente felice di lavorare di nuovo con Kevin, e sono doppiamente felice che porti avanti The Bridge Project. Riccardo III è un testo che amo, e credo che Kevin sia nato per interpretare questo ruolo. Sono anche soddisfatto che la collaborazione tra i nostri tre partner si sia rafforzata e arricchita con il tempo di altre collaborazioni internazionali che ci hanno permesso di allungare il nostro tour mondiale anno dopo anno”.

Kevin Spacey, direttore artistico dell’Old Vic parla del Riccardo III: “Sam è uno dei migliori registi con il quale ho avuto il piacere di lavorare e non avrei mai creduto di avere di nuovo questa opportunità. Amo il modo di lavorare di Sam e il suo modo di plasmare l’attore. Confrontarmi con un personaggio così straordinario rende questa esperienza memorabile. Spero anche di poter portare avanti con gli artisti emergenti, durante i nostri viaggi, un programma di formazione, parlando di teatro in tutte le principali città che visiteremo durate il 2011. Siamo lieti che Bank of American Merrill Lynch sostenga la nostra tournèe come sponsor e mi auguro che continui a supportare il nostro lavoro”.

Il produttore esecutivo della BAM, Joseph V. Melillo, ricorda i successi ottenuti dalla compagnia: “Il Bridge Project è stata un’avventura creativa meravigliosa e ha riscosso un successo senza precedenti; il suo ultimo step è il punto centrale delle celebrazioni per il 150°anniversario organizzate dalla BAM. In gennaio, non vedo l’ora di accogliere questi grandissimi talenti, un cast internazionale composto da Sam Mendes che dirigerà Kevin Spacey nel ruolo di Riccardo III, nello storico Harvey Theater della BAM, e di seguire i progressi della compagnia in tutto il mondo come ambasciatori del teatro classico di altissimo livello”.



Rena DeSisto della Bank of America Merrill Lynch sottolinea: “La nostra partnership per The Bridge Project è stata una collaborazione importante all’interno del nostro programma generale di supporto alle arti. Ogni tappa del tour ha registrato grandi risultati, migliaia di persone hanno goduto del bel teatro e condiviso una esperienza culturale insieme con appassionati di tutto il mondo. La loro abilità nel creare condivisione è ineguagliabile, una importante esperienza che ha coinvolto persone di diverse culture. Bank of America si impegna a continuare a sostenere questa opportunità”.



Teatro Politeama 14 ottobre (ore 20.30) / repliche 15 ottobre (ore 15 e 20,30) durata 3h 15m

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©