Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

After the Crash, per la prima volta arte contemporanea nell'Orto Botanico


After the Crash, per la prima volta arte contemporanea nell'Orto Botanico
30/05/2011, 11:05

ISWA European Project After the Crash  Group show Justine Cooper ,Wout Berger, Damir Ocko, Ravi Agarwal ,Gino De Dominicis , Cassander Eeftinck Schattenkerk ,Trevor Paglen ,Klaus Thymann ,Francesco Patriarca , Donato Piccolo , Emmanuelle Villard , Marek Kvetan – Richard Fajnor con il collettivo Mr.Bra a cura di Camilla Boemio Museo – Orto Botanico Largo Cristina di Svezia 24 , Roma  Inaugurazione al pubblico : sabato 11 Giugno 2011, ore 10.00 Sabato e domenica 11 – 12 giugno apertura dalle 9.00 alle 20.00 Periodo espositivo : 11 Giugno – 18 Giugno 2011 Orario : da lunedì a sabato 9.00 – 20.00 – domenica 12 Giugno 10.00 – 20.00  La mostra “ After the Crash “curata da Camilla Boemio è realizzata in collaborazione con l’ Orto Botanico del Dipartimento di Biologia Ambientale della Sapienza Università di Roma , nell’ ambito della manifestazione Arte in Orto ideata per aprire uno dei luoghi più belli di Roma ad un pubblico più vasto ed eterogeneo .  La mostra fa parte del progetto Europeo SCIART il cui topic propone un approccio sperimentale ed innovatore alla “ Scienza e all’ Arte “ . Il Progetto Europeo è stato vinto da una cordata di Università il cui direttore e l’ università coordinatrice sono : L’ Università Politecnica delle Marche , con il dipartimento SAIFET , e il prof. Franco Rustichelli .  Franco Rustichelli era amico e collaboratore di Gino De Dominicis .  Il progetto Europeo vuole eliminare il gap tra scienza e società , avvicinando le giovani generazioni alla scienza creando un interazione con l’ Arte e portando ad una migliore comprensione ed ad una esplorazione della scienza attraverso le arti .  La tecnologia e la scienza sono discipline centrali nelle società che vogliono basare lo sviluppo nella crescita della conoscenza , la diffusione di queste ultime diventa perno fondamentale per uno sviluppo adeguato e democratico . Creare chiavi di accesso alla scienza diventa fondamentale per una società che vuole impostare e fare crescere la conoscenza della propria popolazione , non più appannaggio per pochi addetti ai lavori , ma una conoscenza diffusa . L’ approccio sperimentale ha c ome obiettivo di avvicinare i giovani alla Scienza – Arte entusiasmando e proponendo codici di lettura inediti , con le tendenze emergenti , presentando le problematiche d’ avanguardia con un indirizzo non solo settoriale . Camilla Boemio ha curato numerose esposizioni , tra cui Aniconics Icon Killers (2007) a Roma , Mnemosine – The Atlas of images (2009) , CITIES – places visionaires (2009) a Roma , Critica in Arte (2010) , Cabbage (2010 – 2011) Sensational Architecture (2010) a Roma .  L’ Allestimento della mostra vede coinvolte e partecipi le Green Houses dell’ Orto Botanico coinvolgendo lo spettatore in un tour tra la vegetazione alla scoperta dei lavori , che a tratti diventano tutto uno con lo spazio espositivo , a tratti emergono sovvertendo i confini .  Il desiner inglese Rick Casson ha progettato degli inediti banners per guidare il visitatore in un viaggio nel quale l’ intento vuole fare emergere il legame con il cosmo e la natura , fonti primarie della scienza e risorsa creativa inesauribile . Alla collettiva “ After the Crash “ partecipano alcuni dei più famosi artisti internazionali la cui ricerca artistica verte sulla scienza ; dalla Bio Tech Art , alla Fisica , le Nano Tecnologie , la Geologia , i cambiamenti climatici , l’ applicazioni artistiche del rinnovamento cellulare , la cultura della scienza , la medicina , le collezioni scientifiche , la biodiversità e la conservazione, con accenni e scelte inedite : Justine Cooper , Wout Berger, Trevor Paglen , Cassander Eeftinck Schattenkerk ,Klaus Thymann , Gino De Dominicis , Marek Kvetan , Richard Fajnor , Francesco Patriarca , Donato Piccolo , Emmanuelle Villard ,Damir Ocko e Ravi Agarval .  Alcuni lavori sono site – specific come nel caso dell’ Installazione di Francesco Patriarca e il lavoro fotografico appositamente realizzato da Klaus Thmann .  Nel catalogo , realizzato per la mostra , si troveranno immagini e testi , anche , riguardanti gli artisti  Mariko Mori , Johanna Laitanen e Steve Siegel .  In collaborazione per i prestiti con le gallerie : Galleria Tiziana Di Caro - Salerno , Artema Arte Moderna e Contemporanea – Modena , Galerie Van Kranendonk – Den Haag Olanda , Galerie Mario Mazzoli – Berlino , Galerie Thomas Zander – Kòln Germania .  Molti degli artisti del group show saranno presenti alla vernice . Sabato 11 Giugno si terrà , dalle 10.30 , un workshop nella quale saranno presenti gli scienziati e gli artisti . La mostra sarà presentata ad Ancona nei mesi successivi .

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©