Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Iniziativa del Cotugno e del Comune di Napoli

Aids: parole e musica al Sannazzaro per contrastarlo


.

Aids: parole e musica al Sannazzaro per contrastarlo
01/12/2010, 10:12


NAPOLI - “La salute è contagiosa”. Con questo slogan al Teatro Sannazaro ha preso il via la tavola rotonda per illustrare gli effetti delle malattie sessualmente trasmissibili, promossa dall’azienda ospedaliera Cotugno in collaborazione con l’Aiop e l’Asl Napoli 1, che si inserisce nel quadro delle iniziative previste per la Giornata Internazionale per la lotta all’Aids. Per 14 giorni, un pullman girerà tutte le zone della città per spiegare ai cittadini quali sono le patologie a trasmissione sessuale e cosa fare per prevenirle. In particolare, sarà illustrato come evitare il contagio mantenendo delle corrette abitudini nella vita di coppia.
Al dibattito, voluto anche dall’amministrazione comunale e al quale hanno preso parte, tra gli altri, il presidente della Commissione Sanità del Consiglio Michele Schiano, il direttore generale del Monaldi-Cotugno-Cto Antonio Giordano e l’assessore allo Sport Alfredo Ponticelli, ha fatto seguito uno spettacolo musicale offerto dagli artisti partenopei. “Desidero ringraziare gli autorevoli artisti che saranno presenti e la direzione del Sannazzaro per la grande disponibilità manifestata”- ha esordito Giordano – “La lotta all’Aids può essere vinta con una sana prevenzione. Perciò abbiamo promosso queste giornate di informazione, che si svilupperanno in tutte le  dieci municipalità, con l’obiettivo di far conoscere a tutta la cittadinanza i comportamenti da assumere per evitare il contagio da malattie trasmesse sessualmente”.
“L’iniziativa del Cotugno” – ha aggiunto il subcommissario Zuccatelli, assente all’incontro ma raggiunto telefonicamente – “è importante e significativa, perché mette in campo momenti di riflessione, spettacoli di sostegno e mobilitazione nelle piazze e nelle scuole di Napoli. Una vera e propria campagna di comunicazione, che aiuterà nelle azioni di contrasto alla malattia”.

Commenta Stampa
di Ornella d'Anna
Riproduzione riservata ©

Correlati