Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Al Duel la ‘Giornata in memoria delle vittime di tutte le mafie’


Al Duel la ‘Giornata in memoria delle vittime di tutte le mafie’
20/03/2010, 14:03

Il Duel Village di Caserta aderisce alla Giornata Nazionale della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime di tutte le mafie. Per l’occasione infatti ha organizzato un incontro-dibattito con le istituzioni locali sul tema della legalità che coinvolgerà anche il mondo della scuola dell’università e della cultura. L’appuntamento è per sabato 20 marzo a partire dalle ore 17.30 nel complesso cinematografico di via Paolo Borsellino a Caserta. Alla manifestazione parteciperanno il prefetto di Caserta, Ezio Monaco, il questore di Caserta Guido Longo, il commissario prefettizio per la Provincia di Caserta, Biagio Giliberti, il sindaco di Caserta, Nicodemo Petteruti, l’assessore alla cultura del Comune di Caserta, Paola Servillo, il direttore dell’A.Di.S.U. (Azienda per il Diritto allo Studio universitario) Pasquale Pascarella, un rappresentante dell’associazione ‘Libera’ che da circa quindici anni si batte contro tutte le mafie, il direttore artistico del Festival per l’Impegno civile (l’unico del genere in Italia), Pietro Nardiello. Nel corso dell’incontro verrà presentato il progetto Atreyu, messo in campo dall’A.Di.S.U. della SUN per sostenere economicamente gli studenti vittime di minacce e tentativi di estorsione da parte della camorra. Gran finale con la proiezione in anteprima del film, dal titolo puramente provocatorio, ‘Un camorrista perbene’ di Enzo Acri, presentato fuori concorso all’ultimo Festival di Venezia e a breve nelle sale cinematografiche. Saranno presenti il regista, i produttori e il cast. ‘L’obiettivo di questa manifestazione – spiega Patrizia Cerasuolo, general manager del Duel Village – è quello di sollevare l’attenzione dell’opinione pubblica, e in primis delle scuole, su un tema particolarmente delicato quale quello della lotta a tutte le mafie e al contempo ricordare la figura di quanti hanno dato la vita per contrastare le organizzazioni criminali’. L’ingresso è libero.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©